Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Virtus Bologna, coach Djordjevic ''Siamo consapevoli che Venezia è un avversario tosto''

Final Eight Coppa Italia 2020, le parole di Coach Djordjevic alla vigilia della sfida con Venezia:

“Martedì abbiamo fatto un buon allenamento. I ragazzi sono concentrati per Venezia, una squadra profonda e con molta esperienza. Gaines ieri si è allenato per la prima volta con la squadra, Markovic è stato a riposo, mentre ieri si è allenato regolarmente. Stiamo recuperando le energie: anche Teodosic ieri non ha sentito nessun problema dopo l’acciacco della Coppa Intercontinentale, è questo è sicuramente importante. Le partite giocate con Venezia contano soprattutto per i giocatori che con Venezia non avevano mai giocato: siamo tutti consapevoli che è un avversario tosto, una squadra che è un esempio per tutti.

I ragazzi sono consapevoli di aver perso una bella occasione, sono dispiaciuti ma tutto fa parte del gioco, della crescita del gruppo e del club per raggiungere obiettivi importanti e non scontati. Dopo una sconfitta c’è sempre la possibilità di riscattarsi e sicuramente i ragazzi lo sanno: il carattere non è mai mancato, poi una partita può andare meglio e peggio sia a livello individuale che di squadra. Siamo ancora una bella squadra tosta. Ci siamo qualificati per la Coppa Italia tantissimo tempo fa e adesso vedremo cosa succederà partita dopo partita. Ci danno per favoriti, è vero, noi non possiamo scappare dal fatto che in Italia stiamo facendo un campionato di spessore e gli altri, con il giochino di darci per favoriti, ci considerano con tanto rispetto.

Lo dico sempre e ripeterò sempre: piedi per terra e testa bassa, bisogna remare nella stessa direzione con umiltà e fame. Siamo un gruppo affamato di vittorie: questa fame è una bella guida per noi. Nello sport di facile non c’è niente: giochiamo contro i più forti sulla carta, meglio così. Ogni partita è difficile, ma guardiamo nel nostro piatto, anche se l’erba del vicino può sembrare sempre la più verde, fino a quando non ci metti il piede sopra. Teodosic andrà in Nazionale, ci tiene e ci ha sempre tenuto alla Nazionale. Ne parleremo in questi giorni ma anche lui è sempre concentrato sul prossimo impegno.

La sosta potrebbe essere una bella occasione per ricaricare l’energie e riempire il serbatoio. Sicuramente le partite con la Nazionale non ti aiutano a rigenerarti ma si sa che le società che hanno giocatori nazionali patiscono questa cosa. Ma parliamo anche di Baldi Rossi e Ricci: ieri ho parlato con Filippo e gli ho detto che sono molto contento della sua chiamata. Ha fatto un lavoro quotidiano tosto e grazie a questo lavoro è tornato a vestire la maglia azzurra: è una cosa importante per lui ma anche per il Club”.

Fonte: ufficio stampa Virtus Bologna

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: