Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Sutor Montegranaro paga un brutto 1° quarto e cade sul campo della Teate Basket Chieti

Niente da fare per la Sutor Basket Montegranaro sul campo della Teate Basket Chieti, dove dopo un primo quarto da incubo, gli uomini di coach Ciarpella non riescono mai a trovare le energie mentali e fisiche per ricucire uno strappo che i padroni di casa hanno il merito di proteggere se non trovando qualche difficoltà nel finale dell’ultimo quarto.

Dopo il primo successo del 2020 ottenuto nell’ultimo turno, tra le mura amiche della Bombonera, nel derby contro Porto Sant'Elpidio Basket, la Sutor era attesa dalla difficile trasferta di Chieti. I Teatini padroni di casa sono scesi in campo infatti con un roster di primissimo livello e dopo un inizio di stagione fatto di alti e bassi si presentavano all’appuntamento da sesta forza del campionato e con una striscia ancora aperta fatta di 3 vittorie conquistate negli ultimi 4 match. I ragazzi di coach Ciarpella dall'altra parte erano chiamati a dare il 101% di loro stessi per confermare quanto di buono visto nelle ultime uscite e soprattutto per ritrovare quei due punti che mancano in trasferta da troppo tempo dalle parti di Montegranaro.

Coach Marco Ciarpella conferma lo strating five visto nell’ultimo turno contro Porto Sant’Elpidio che vedeva schierati Caverni nel ruolo di play con Rovatti e Villa ai lati mentre i soliti Polonara e Panzieri si sono posizionati nel pitturato. A partire forte sono subito i padroni di casa che con i 2 canestri di Pederzini e la bomba di Rezzano vanno sul 7 a 0 dopo i primi due minuti di gioco. La Premiata tenta l’immediata reazione ma i tentativi da tre punti dei gialloblù finiscono tutti per sbattere sul ferro. A sbloccare il tabellino per i veregrensi ci pensa Rovatti, che finalizza con una schiacciata un’azione di contropiede, ma Chieti non vacilla e infatti Ruggiero trova immediatamente la tripla del 10-2. Coach Ciarpella chiama il time out per riordinare le idee ma al rientro in campo Rezzano mette in fila due bombe che allargano ulteriormente la forbice del vantaggio che a metà quarto tocca il +14.

I gialloblù accusano il colpo e non danno segni di ripresa continuando a sbagliare molto anche sotto canestro mentre i teatini giocano sul velluto. Fanno il loro ingresso sul parquet i veregrensi doc Ciarpella e Lupetti per provare a dare una scossa che però non arriva e così i primi dieci minuti si chiudono con la tripla dell’appena entrato Meluzzi che certifica il risultato sul 27 a 8 per i locali. Il secondo periodo inizia con un canestro di Villa che sembra innescare l’attesa quanto auspicabile reazione gialloblù e in effetti Chieti incontra le prime difficoltà in fase realizzativa, con i primi due minuti passati a digiuno di punti. Di Carmine per Chieti ritrova la via dei due punti mentre dopo un break chiamato dalla panchina gialloblù a Panzieri il canestro risputa fuori il tentativo di tripla e così i teatini riprendono saldamente in mano le redini di una gara che a 6’ 34’’ dall’intervallo lungo li vede avanti 34-10.

Provano a mettere in campo almeno l’orgoglio i veregrensi che confezionano un minibreak di 0-6 grazie ai 4 punti realizzati di Ragusa e i due da Panzieri che costringono coach Sorgentone a chiamare il suo primo time out. I gialloblù riescono a rosicchiare qualche punto all’avversario arrivando fino al -16 ma la fisicità e la qualità dei padroni di casa è tanta roba. Gli ultimi frangenti del primo tempo vengono infatti sono gestiti da Stanic e Pederzini che tengono oltre a tenere distanza di sicurezza gli avversari e riescono anche ad incrementare il vantaggio. La prima parte di gara si conclude con una tripla dall’angolo di Rovatti che porta il risultato sul 49-32 e permette quantomeno alla Premiata di aggiudicarsi il quarto. Il secondo tempo inizia con il timbro subito di Pederzoli e la bomba poco dopo di Ruggiero e così la trama del match sembra non cambiare.

Come se non bastasse la Sutor perde anche il suo play Michele Caverni che è costretto ad uscire dal campo per essere soccorso dallo staff medico e i sanitari dopo una brutta botta alla testa rimediata cadendo sul parquet dopo un tentativo di andare a canestro. Nonostante la sfortuna gli uomini di coach Ciarpella tengono testa per lo meno nei parziali aa biancorossi ma a metà quarto il distacco dagli avversi rimane ancora di 18 punti. Col passare del tempo i gialloblù perdono lucidità nell’andare a canestro e così ad approfittane è soprattutto Rezzano che porta il risultato sul 62-39 a 4’’ dal termine del quarto. I veregrensi trovano in Ragusa la forza di non mollare e così rabbiosamente rispondono colpo su colpo ai nuovi tentativi di fuga dell’avversario e così i punti di svantaggio al termine del terzo periodo rimangono invariati a 17.

I primi istanti degli ultimi dieci minuti del match sono caratterizzati da ritmi baldi fino a quando dopo due minuti Panzieri smuove il tabellone luminoso in avanti per la Sutor ma la risposta di Chieti non si fa attendere e così prima la tripla di Ruggiero e poi il canestro di Stanic portano a +20 i teatini. A metà quarto i veregrensi si sbloccano dalla linea dei tre punti con Lupetti ma a pareggiare i conti arriva l’immediata risposta del capitano biancorosso Gialloreto e così le distanze restano invariate. Negli ultimi minuti però i ragazzi di coach Sorgentone iniziano forse a cullarsi sul rassicurante vantaggio e così la Premiata ne approfitta grazie anche ad un Rovatti mai domo e così il risultato a 2’14’’ dalla fine è di 78-66. Dopo il break chiamato dalla panchina locale, Villa trova due punti conquistando un canestro aggiuntivo portando i suoi fino al -8 ma i padroni casa non si impressionano e così fanno loro senza troppi patemi un match che termina sul risultato di 82-72.

La Sutor non riesce a sbloccarsi in trasferta, anche se ad onore del vero, il Teate Basket Chieti, come da pronostico, si è dimostrato un avversario costruito per competere nelle zone nobili della graduatoria del girone C. Ci sarà poco tempo per i ragazzi di coach Ciarpella per rimuginare su questa sconfitta in quanto nel prossimo turno alla Bombonera arriverà la New Flying Balls Ozzano per una sfida dove ci saranno dei punti pesantissimi in ottica salvezza.

Esa Italia Chieti - Sutor Premiata Montegranaro 82-72 (27-8, 22-24, 17-17, 16-23)

Esa Italia Chieti: Massimo Rezzano 21 (3/5, 3/7), Antonio Ruggiero 16 (3/8, 3/4), Riziero Ponziani 10 (3/7, 0/0), Riccardo Pederzini 10 (5/7, 0/1), Davide Meluzzi 10 (0/4, 2/4), Gianluca Di carmine 6 (2/3, 0/1), Fabrizio Gialloreto 5 (1/4, 1/2), Nicolas manuel Stanic 4 (2/5, 0/2), Giacomo Signorini 0 (0/0, 0/3), Nikola Mijatovic 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 19 - Rimbalzi: 41 11 + 30 (Riziero Ponziani 11) - Assist: 20 (Nicolas manuel Stanic 5)

Sutor Premiata Montegranaro: Andrea Rovatti 18 (5/10, 1/5), Jacopo Ragusa 16 (8/10, 0/0), francesco Villa 10 (1/6, 1/6), Matija Jovovic 8 (4/4, 0/0), Michele Caverni 6 (2/7, 0/2), Alessandro Panzieri 4 (2/3, 0/4), Francesco Ciarpella 4 (2/4, 0/2), Valerio Polonara 3 (1/2, 0/2), Riccardo Lupetti 3 (0/0, 1/2), Riccardo Di angilla 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 17 - Rimbalzi: 36 10 + 26 (Jacopo Ragusa, francesco Villa 8) - Assist: 16 ( francesco Villa, Matija Jovovic, Michele Caverni 4)

Fonte: ufficio stampa Sutor Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: