Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

NBA: il Sindaco di New York De Blasio attacca ''Tamponi per i malati non per i ricchi''. La replica dei Brooklin Nets

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/19-03-2020/sindaco-york-blasio-attacca-tamponi-malati-ricchi-replica-brooklin-nets-600.jpg

Social

Il sindaco di New York Bill De Blasio ha attaccato i Brooklin Nets per il fatto che tutti i componenti della franchigia sono stati sottoposti al tampone per il CoronaVirus. Queste le parole del primo cittadino newyorkese pubblicate sul suo profilo Twitter:

"Auguri a tutti una pronta guarigione ma non bisognerebbe effettuare il test su un’intera squadra NBA quando ci sono pazienti in grave difficoltà che lo stanno aspettando. I test non dovrebbero essere per i ricchi ma per i malati."

Non si è fatta però attendere la replica dei Nets che attraverso un comunicato stampa hanno risposto così:

"Come abbiamo saputo che diversi giocatori e membri dello staff stavano mostrando sintomi di coronavirus, e considerato che i giocatori sono maggiormenti esposti alla possibilità di contagio vista la fisicità di uno sport come la pallacanestro, abbiamo deciso di sottoporre tutti al test. Abbiamo cercato i tamponi presso un’azienda privata e li abbiamo pagati di tasca nostra, perché non volevamo gravare sulle risorse pubbliche del CDC. Usando i risultati dei test, siamo stati in grado di prendere immediate precauzioni e isolare i giocatori che sono positivi. Se avessimo aspettato che mostrassero i sintomi, avrebbero continuato a mettere a rischio le loro famiglie, i loro amici e il pubblico."

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: