Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Il Basket Assisi condivide la scelta di fermare i campionati, ma il rammarico è grande

La chiusura definitiva di tutti i campionati da parte della FIP a firma del Presidente Petrucci non è giunta inaspettata vista la grave situazione che si è venuta a creare per questo virus maledetto e il perdurare dello stesso, ad un mese circa dalla sua comparsa. Le speranze alimentate in questi lunghissimi giorni di quarantena, di un recupero della stagione agonistica, sono andate deluse e ormai definitivamente archiviate, lasciando un vuoto enorme, una amarezza profonda, sentimenti che ci accompagneranno ancora per lungo tempo. Il Basket Assisi come tutto lo sport nazionale, del resto, si adegua e si allinea alla decisione presa dalla Federazione, inevitabile e condivisa e lo fa con compostezza e rispetto, ma anche con qualche rammarico, vista la stagione positiva che i ragazzi di coach Felicetti stavano facendo dall'inizio del campionato.

Nella gravità della situazione, che ci prende per intero, il pensiero per un attimo, va verso quelle tante vittorie che il Basket Assisi era riuscito ad ottenere e che in un sol colpo sono state cancellate, fa male ricordarle, fa male averle perse in un istante, parimenti alle altre squadre del girone che ne hanno condiviso speranze e delusioni, ma oggi bisogna lottare per la vita e per la salute di ognuno di noi e tutto il resto passa in secondo piano. Sentimenti contrastanti che rendono più dura questa realtà, che a quanto sembra perdurerà per molto tempo ancora.

Rispetto, condivisione, solidarietà, vicinanza alle persone che soffrono, cordoglio per chi non c'è più, vicinanza a tutto il settore sanitario, sono gli imperativi di oggi, per vincere questa battaglia, nella speranza che tutto questo serva in futuro per una società migliore. Domani quando tutto sarà finito, si ricomincerà da capo, con un'Italia e un mondo diverso, la vita riprenderà, lo sport ricomincerà, i campionati riprenderanno, ma non sarà più lo stesso, cambieranno tante cose, la realtà sarà diversa, speriamo che sia un mondo migliore.

Fonte: Ufficio Stampa Basket Assisi

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: