Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Virtus Bologna, Luca Baraldi ''Lavoriamo per portare la Virtus di nuovo in Fiera già da ottobre''

L'amministratore delegato della Virtus Bologna Luca Baraldi è intervenuto alla trasmissione "Dentro la città", trasmessa ieri sera su TRC: "Ci siamo sentiti il dovere di poter restituire qualcosa al nostro territorio e alle famiglie colpite economicamente da questa pandemia. Speriamo che queste azioni di supporto possano essere ritenute utili".

Così è nata "Virtus is family", la nuova attività di solidarietà di Virtus Segafredo Bologna: "Una società sportiva ha obblighi sociali e morali, soprattutto una come la Virtus. Per prima cosa ringrazio il presidente del quartiere Navile – Daniele Ara – molto disponibile, insieme a tutto il quartiere e allo sportello sociale. Abbiamo coinvolto anche la parrocchia di San Girolamo dell’Arcoveggio e il suo parroco Don Mirko. L’accordo è quello di creare una raccolta solidale di beni di prima necessità alimentare, che verranno distribuiti nei luoghi prestabiliti dal quartiere, Corticella, Lame e la Bolognina, e poter supportare quelle famiglie che in questo momento faticano ad acquistare i beni di prima necessità.

Poi – sempre in accordo col servizio sociale per anziani e lo sportello sociale – faremo anche un’attività di consegna a domicilio di borse della spesa che verranno riempiti con beni alimentari che ci sono stati donati e che abbiamo acquistato noi come Virtus anche da nostri partner come Alce Nero, Valfrutta, eccetera. Anche con la parrocchia abbiamo messo insieme una distribuzione di generi alimentari, attraverso il Banco Alimentare. La cosa più bella è che questa iniziativa nasce dal cuore dei nostri dipendenti, che hanno sentito il desiderio di autotassarsi e creare un fondo – al quale contribuirà anche la società in modo importante – per sostenere queste iniziative, perchè siamo fortemente compenetrati nel nostro quartiere.”

Baraldi ha parlato poi anche della ripresa del campionato e della Virtus Segafredo Arena: "Noi abbiamo aperta questa possibile finestra per l’Europa, anche se io ho sempre detto che vedo una situazione molto complessa. La cosa importante sarebbe ripartire da ottobre, qui sono ottimista. Se ci saranno le condizioni è giusto ripartire, e per me le condizioni sono anche poter avere la gente a palazzo, non giocare a porte chiuse. Spero che a ottobre ci siano queste condizioni. Voglio essere ottimista, vedo i dati migliorare, quelli degli ospedalizzati e delle terapie intensive, questo mi fa pensare che ci siano opportunità di cura migliori o più efficaci rispetto all' inizio.

Ci sono ancora tanti infettati e norme note a tutti da seguire, ma voglio credere che a ottobre si possa ripartire, e vogliamo riprenderci quello che questo virus ci ha tolto, vista la grande cavalcata che stavamo facendo. Abbiamo parlato con la Fiera, stiamo cercando di capire se si può partire in Fiera anche da ottobre. In questo modo – anche col distanziamento – potremmo arrivare circa a 5000, alla capienza del PalaDozza, e dare a tutti i nostri abbonati la possibilità di vedere la partita. Al PalaDozza farei fatica a pensare come fare una cernita tra i nostri abbonati. Bisogna trovare soluzioni – in un’altra arena o al PalaDozza – che ci permettano di ospitare perlomeno tutti i nostri abbonati di quest’anno".

Fonte: Virtus Bologna

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: