Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

La Fipav lancia l'allarme (che riguarda anche il basket) ''Le scuole vogliono chiudere le palestre, fare attività è impossibile''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/21-06-2020/fipav-lancia-allarme-riguarda-anche-basket-scuole-vogliono-chiudere-palestre-fare-attivit-impossibile-600.jpg

Social

Il Presidente federale Pietro Bruno Cattaneo ha inviato oggi al presidente del Coni Giovanni Malagò un documento nel quale si pone l’attenzione sull’attuale problema della riapertura delle palestre scolastiche per la ripartenza dell’attività sportiva. Nella lettera viene lanciato un grido d’allarme e al tempo stesso vengono proposte diverse soluzioni per superare questa grande problematica, che non riguarda solo la pallavolo, ma bensì tutto lo sport italiano.

Ad esempio ci sono molte società di basket, soprattutto nelle categorie inferiori, che non hanno un palazzetto. Ci sono tantissime squadre giovanili che svolgono almeno un allenamento a settimana nelle palestre scolastiche. Per non parlare del minibasket, che molto spesso nasce a scuola con tanti istruttori vanno negli istituti a fare lezione durante le ore di educazione motoria, cercando di avvicinare i bimbi alla pallacanestro e allo sport in generale.

Il problema principale è che si sta pensando di adibire le palestre a classi per consentire agli alunni di avere spazi adeguati, ed in questo modo le società sportive sarebbero tagliate fuori. In altre realtà i dirigenti stanno comunque chiudendo le porte delle palestre per limitarne l’utilizzo poiché hanno individuato in questi luoghi una potenziale fonte di contagio, ritenendo le associazioni sportive incapaci di garantire le norme igieniche necessarie.

La Fipav ha individuato subito il problema e si è mossa immediatamente, ora auspica ci auguriamo che anche la Fip prenda una rapida e decisa presa di posizione unendosi all'allarme lanciato dal massimo dirigente pallavolistico federale.

Per scaricare la lettera completa CLICCA QUI

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: