Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

1919 giorni dopo la Vasto Basket ritrova coach Sandro Di Salvatore

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/16-07-2020/1919-giorni-dopo-vasto-basket-ritrova-coach-sandro-salvatore-600.jpg

Social

1919 giorni dopo quel BCC Vasto – Martina Franca del campionato di Serie B. Coach Sandro Di Salvatore lasciò Vasto in lacrime, il suo rapporto con la città, con l’ambiente, con il palaBCC andava ben oltre i 40 minuti di una partita. Andava ben oltre a tal punto da confidare agli uomini di sua fiducia che un giorno sarebbe tornato.

Quel giorno è arrivato. Oggi 12 Luglio 2020 inizia l’era Di Salvatore 2.0 . Sandro arrivò a Vasto il 20 marzo 2012 , in C Regionale, con il chiaro intento di portare i Vastesi in DNC . Era l’anno dei vari Marco Florio, Dutto, Bonaiuto, Toth e un Vincenzo Dipierro arrivato in corsa.. Malgrado la situazione di classifica non rosea, bastò poco per riaccendere la miccia e volare : Sandro chiese ai ragazzi la promozione e promozione fù. Il tripudio del 7 giugno 2012 è ancora nelle menti dei tifosi vastesi. Poi l’anno in DNC partito in sordina e terminato solo al turno di playoff contro Lanciano (con l’infortunio di Vincenzo Dipierro che caratterizzò la serie contro gli uomini dell’allora Coach Salvemini).

Sogni di promozione infranti? Assolutamente no. Nelle camere della società biancorossa si lavora per far tornare dopo tanti anni la Vasto Basket nella pallacanestro nazionale. Missione compiuta, la Vasto Basket è ripescata in serie B.

Al timone c’è sempre Di Salvatore, al terzo anno sulla panchina biancorossa. L’obiettivo era la permanenza di categoria . Ma la favola Vasto Basket stupisce tutti e vittoria dopo vittoria conquista l’accesso ai playoff fino ad arrivare magicamente alla semifinale contro la NPC Rieti di un certo Picchio Feliciangeli . Gli anni magici sono segnati, Vasto tocca il cielo con un dito ed ancora ad oggi si ricordano le gesta di quel periodo.

Il successivo anno , Sandro lascia il sodalizio biancorosso (superate le 100 panchine a referto) con una salvezza ampiamente conquistata . Quel campionato si chiuse con una sconfitta ma gli applausi e le lacrime di commozione di Coach Di Salvatore facevano capire che si trattava solo di un arrivederci.

Negli anni successivi Sandro approda a Teramo in C Silver dove vinse il campionato.
Cessato il rapporto con i biancorossi siede sulla panchina della We’re Basket Ortona , in serie B, prima del biennio giallorosso in terra pugliese , sponda Lupa Lecce dove nella prima stagione ottiene il primato e in quella appena conclusa, sospesa per Covid-19, veleggiava in quarta posizione.

Carismatico preparato esperto e vincente , sono le caratteristiche di coach Di Salvatore che conosce la piazza di Vasto come se fosse casa sua. Ritroverà tanti affetti che non l’hanno mai dimenticato e saranno pronti a rimettersi al proprio fianco, proprio come 1919 giorni fa. Sandro è tornato, ed è già al lavoro. 

Fonte: ufficio stampa Vasto Basket

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: