Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pallacanestro Cantù, coach Pancotto ''Milano ci permetterà di vedere dove è arrivato il nostro lavoro''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/26-08-2020/pallacanestro-cant-coach-pancotto-milano-permetter-vedere-dove-arrivato-nostro-lavoro-600.png

Social

Trento-Cantù, ventiduesima giornata del campionato di LBA 2019-2020. Questa l’ultima gara ufficiale dei biancoblù, poi il blocco definitivo del campionato. È da più di sei mesi, dunque, che Cantù non disputa una partita ufficiale. Tanta è la voglia di ricominciare e ora, finalmente, si torna a giocare. Perché oggi è vigilia di Cantù-Milano. O meglio, oggi è vigilia di A|X Armani Exchange Milano-Acqua S.Bernardo Cantù e si gioca al Mediolanum Forum di Assago. A porte chiuse. Questa sarà la prima sfida della Eurosport Supercoppa 2020, in cui Cantù è stata inserita - insieme a Brescia, Varese e, appunto, Milano – nel Girone A della manifestazione. Si disputeranno gare di andata e ritorno, per quattro gironi da quattro squadre ciascuno. Alla fase successiva passa solo un team per girone. Poi, a Bologna, la Final Four in programma dal 18 al 20 settembre.

Sull’imminente impegno ufficiale dell’Acqua S.Bernardo si è espresso coach Cesare Pancotto, il quale ha così presentato l’evento e l’attesa sfida con Milano:

«Si ritorna a giocare dopo tanti mesi di sacrificio e di attesa. C’è la voglia di misurarsi e di verificare come sta procedendo il lavoro che sinora abbiamo svolto, dando un senso a ogni partita che affronteremo».

«Iniziamo con la corazzata Milano, che ci permetterà di vedere prima di tutto sin dove è arrivato il nostro lavoro e, poi, di capire che tipo di difficoltà incontreremo non solo in Supercoppa ma anche in campionato. Difficoltà, preciso, che devono aiutarci a crescere».

«Non dobbiamo aspettare la partita perfetta. Ma dobbiamo, invece, evidenziare sin da subito durezza mentale e personalità di squadra. Dico questo perché è quello che sto cercando di inculcare ai miei giocatori in queste settimane: indossano una maglietta importante, quella della Pallacanestro Cantù, che ci deve far sentire l’orgoglio di appartenenza, tanto più iniziando con un derby».

«Il girone è tosto, però mi piace. Mi entusiasmano le difficoltà. Affrontare subito delle squadre lombarde, dei derby, ti dà una misura di che campionato tosto sarà. Affrontare squadre forti come Milano, Brescia e Varese ci darà poi una dimensione, per il prosieguo del nostro lavoro». 

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Cantù

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: