Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Supercoppa LBA: la Reyer Venezia espugna il campo dell'Aquila Basket Trento

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/02-09-2020/supercoppa-reyer-venezia-espugna-campo-aquila-basket-trento-600.jpg

Social

L’Umana Reyer si ripete dopo 3 giorni, rimanendo a punteggio pieno in Supercoppa dopo la vittoria per 73-77 con cui espugna il PalaTrento. E adesso, a chiusura del girone d’andata, la sfida a Trieste, contro l’altra formazione imbattuta del gruppo C.

Confermato lo starting five (De Nicolao, Tonut, Chappell, Mazzola e Watt), sblocca Tonut con il layup, con Trento che risponde con un parziale di 8-0 trascinato da Williams. Watt, subendo due falli, muove il punteggio dalla lunetta nonostante qualche difficoltà orogranata al tiro (8-5 al 2’30”), ma i padroni di casa, cercando il gioco in velocità, tengono in mano l’inerzia, fino al 16-7 al 6’. Fotu, con un miracolo sulla sirena dei 24” dà il la alla riscossa dell’Umana Reyer, che, pur con uno 0/8 da 3, chiude il primo periodo con più energia sul 18-15 firmato da Casarin dopo un rimbalzo offensivo.

Il giovane orogranata continua il buon impatto, con la tripla del pareggio in apertura di secondo periodo e un altro paio di rimbalzi offensivi. La difesa veneziana alza l’intensità e le percentuali dei padroni di casa calano di conseguenza. Capitan Bramos, sul decimo rimbalzo offensivo di squadra, riporta l’Umana Reyer avanti, sul 21-23 al 14’ e, dopo il controsorpasso trentino, i liberi di Watt (sul quinto fallo subito dal centro) e la tripla di De Nicolao determinano il massimo vantaggio: 25-30 al 18’. Trento si sblocca in attacco con due liberi di Ladurner dopo 3’ di astinenza e, nell’ultimo possesso, la terza tripla della partita di Morgan manda le squadre negli spogliatoi sul 30-32.

Il leitmotiv del match orogranata (errori dall’arco, ma tanti rimbalzi offensivi) prosegue anche in un convulso avvio di ripresa. Pascolo pareggia, poi Watt va in panchina per un risentimento muscolare, Williams spende antisportivo e Fotu segna prima i liberi e poi il 32-36 al 21’30”. Trento però risponde con il 7-0 che la riporta in vantaggio dalla metà del secondo quarto: 39-36 al 23’30”. Dopo il time out di coach De Raffaele, segna Stone sull’ennesimo rimbalzo offensivo, poi viene fischiato un antisportivo (con l’instant replay) anche a Daye, che si riscatta in ogni caso con il gioco da tre punti che, dopo la tripla di Tonut, vale il 44-44 al 26’30”. Watt, il primo a toccare la doppia cifra per l’Umana Reyer torna in campo ed è protagonista nel 48-50 al 28’30”, ma all’ultimo intervallo è ancora perfetto equilibrio: 52-52.

Si segna poco, in avvio di quarto periodo, con l’Umana Reyer che prova a restare attaccata agli avversari sempre con i rimbalzi offensivi (ben 20 già al 32’) e con la pazienza. Si scaldano finalmente le mani orogranata dall’arco, con Fotu e De Nicolao che mettono le triple dei pareggi a quota 56 e 59 (33’) e Mazzola quella del sorpasso sul 61-62 al 34’. Si va avanti con sorpassi e controsorpassi, con De Raffaele che chiama time out a metà quarto sul 65-62 e, al rientro in campo, Daye e la tripla di Tonut fanno 65-67 al 36’. Ma non è finita: segna Pascolo, poi la magia di De Nicolao in recupero porta Trento al bonus per il quarto fallo di Williams e Tonut in lunetta per il 67-68 al 37’.

La Dolomiti prova il piccolo allungo (71-68 al 38’), ma la risposta dell’Umana Reyer è da grande squadra: 2/2 ai liberi di Tonut e, intervallate dal 73-73 di Browne al 39’, 2/2 alle triple di Daye per il 73-76 a 39”. Dopo il time out trentino, gli orogranata possono sfruttare i soli 2 falli spesi, costringendo Browne all’errore da 3, con rimbalzo difensivo di De Nicolao e 5 fallo di Williams che arriva solo a 8” dalla sirena. Daye mette due possessi con l’1/2 dalla lunetta per il 7377 che sarà anche il finale.

Aquila Basket Trento - Reyer Venezia 73-77

Trento: Sanders 11, Forray 4, Jovanovic, Ladurner 8, Mezzanotte 4, Williams 13, Pascolo 8, Browne 11, Morgan 14, Lechtaler ne. All. Brienza

Venezia: Fotu 11, Bramos 2, De Nicolao 8, Mazzola 6, Tonut 13, Stone 3, Casarin 5, Cerella, D'Ercole, Daye 17, Watt 12, Chappell. All. De Raffaele

Parziali: 18-15, 12-17, 22-20, 21-25.
Progressivi: 18-15, 30-32, 52-52, 73-77.
Usciti per 5 falli: nessuno

Fonte: ufficio stampa Reyer Venezia

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: