Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Sassari, coach Pozzecco ''Sono estremamente contento e al tempo stesso preoccupato''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/06-09-2020/sassari-coach-pozzecco-sono-estremamente-contento-tempo-stesso-preoccupato-600.jpg

Social

Al termine della sfida con la VL Pesaro coach Gianmarco Pozzecco ha commentato la vittoria dei suoi ai microfoni di Dinamo Tv:

“Sono estremamente contento e al tempo stesso preoccupato. Contento perché abbiamo giocato una partita vera contro una squadra allenata da un maestro, Jasmin è un grande professionista e un amico, si percepiva in campo che Pesaro fosse ben allenata. In queste settimane hanno immagazzinato le cose su cui hanno lavorato, si è visto in campo, sono reattivi ed efficaci, sanno ciò che vogliono e lo fanno con grande disciplina. Pesaro ha costruito una buona squadra, ha giocatori di grande livello e si vede la mano di Repesa: non posso che essere contento per una squadra per cui ho sempre nutrito grande simpatia.

Come ho detto sono contento dei miei ragazzi che hanno giocato una partita vera ma al tempo stesso sono estremamente preoccupato perché non riesco a capire determinate cose e faccio fatica a gestire una situazione come questa. Siamo ai primi di settembre e siamo in una situazione strana, oggi Stefano Gentile si è di nuovo fermato e non voglio piangere ma è un momento complesso. Coincide con una competizione che affascina anche se l’aspetto sportivo ha ancora la preponderanza in una situazione sanitaria come questa in cui dovremmo essere solo felici di essere tornati in campo. Ma in Italia non siamo capaci a gestire lo sport se non vivendo di sconfitte e vittorie e in questo momento per un allenatore come me che si prende cura dei suoi giocatori è difficile, cerco di rendere possibile l’impossibile”.

“Sono contento perchè abbiamo dato segnali importanti in termini di spirito di sacrificio ma non so come scenderemo in campo tra ventiquattro ore. Se scendessimo in campo solo per la componente ludica sarei più sereno, ma non siamo in grado di viverla così quindi sarà un’altra battaglia in cui conteremo i feriti al termine”.

Fonte: Ufficio Comunicazione Dinamo Banco di Sardegna  

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: