Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Varese, coach Bulleri si presenta ''Voglio aggressività e spirito di sacrificio''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/10-09-2020/varese-coach-bulleri-presenta-voglio-aggressivit-spirito-sacrificio-600.png

Social

Si è tenuta questo pomeriggio la conferenza stampa di presentazione di Massimo Bulleri, nuovo allenatore della Pallacanestro Openjobmetis Varese. La conferenza è stata introdotta da Toto Bulgheroni, membro del CDA biancorosso, che, tornando anche ai giorni da poco passati, ha così parlato:

«Tengo a sottolineare che la decisione dell’esonero di Caja è stata condivisa ed approvata da tutti gli elementi della società. È una cosa che personalmente mi ha fatto dispiacere per una ragione: non essere stato capace in due anni ad incidere nei comportamenti di una persona. Chi mi conosce sa che mi sono sempre comportato in maniera corretta; le cose sono andate oltre e nell’interesse della società, degli sponsor e dei tifosi, è stata presa una decisione che, ci tengo a precisare, non è stata piacevole per nessuno. A quel punto, Bulleri è stata la nostra prima scelta e anche in questo caso tutti sono stati d’accordo.

I motivi per cui la scelta è ricaduta su di lui sono umani: nella sua carriera ha sempre dimostrato serietà ed etica professionale e non ho dubbi su come lavorerà. Da un punto di vista tecnico ha avuto la fortuna di lavorare con maestri del calibro di Obradovic, Tajnevic, Messina, D’Antoni, Recalcati, Caja stesso. Se sarà capace di portare nella pratica alcuni insegnamenti di questi grandi, non penso avrà una carriera breve. Nessuno pensa che con la bacchetta magica si possa trasformare una squadra in una macchina sempre vincente, ma vivremo con serenità, vittorie e sconfitte, cercando di prendere il meglio per migliorare».

Queste, invece, le prime parole di coach Bulleri:

«Prima di iniziare ci tengo ad aprire una piccola parentesi relativa al recente passato e per questo ringrazio Ravenna che dopo il fallimento di Avellino mi ha dato un’opportunità senza la quale oggi, forse, non sarei qui. Grazie al presidente, al GM e, soprattutto, al mio ex capo allenatore Massimo Cancellieri, che è stato, è e sarà sempre un mio grande amico. Parlando del presente, invece, ci tengo a ringraziare Toto Bulgheroni, Andrea Conti e tutto il mondo Pallacanestro Varese. Ci sono stati miei ex allenatori che mi hanno contatto e mi ha fatto strano avere la loro etichetta; spero di raggiungere il loro livello, anche se, per ovvi motivi, ci vorrà tempo.

L’eredità tecnica che ho ereditato nella gestione della squadra è molto importante e cercherò di mettere sul campo il mio bagaglio di esperienze. Voglio che la squadra abbia una grande aggressività, spirito di sacrificio e di competizione, che è il modo principale per poter legare la squadra con questa città e questa tifoseria. Cercherò di mantenere ciò che già c’è e che assomiglia a ciò che vorrei fare. L’altra sera contro Cantù ho visto una squadra che ha lottato fino in fondo; una squadra viva e combattiva. Nel primo discorso ai ragazzi non ho parlato però di quella partita; ho preferito aprire con loro un canale comunicativo sotto diversi argomenti, soprattutto morali, spiegando cosa vorrò da loro. Il rispetto sarà la parola chiave nel rapporto con i miei giocatori.

Quando è nata in me la voglia di fare l’allenatore? È una cosa che ho sempre coltivato; con il tempo ho avuto modo di maturare la convinzione che fosse la scelta giusta per me. Fare questo lavoro implica scelte di vita, di tempo e familiari importanti, non comuni. Ho studiato tanto, ho studiato a fondo, dal vivo e sulla carta stando seduto e sentendo gli altri parlare. Scola? Da giocatori ci siamo incrociati tantissime volte; aver calcato quei parquet crea un assonanza naturale unica nel suo genere». 

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Varese

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: