Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Sassari, coach Pozzecco ''I giocatori fanno grandi sacrifici, siamo costretti a spremere quelli che ci sono''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/11-09-2020/sassari-coach-pozzecco-giocatori-fanno-grandi-sacrifici-siamo-costretti-spremere-quelli-sono-600.jpg

Social

Al termine della sfida coach Gianmarco Pozzecco ha commentato la sfida dei suoi ragazzi ai microfoni di Dinamo TV:

“I giocatori fanno grandi sacrifici e si è visto in campo, non è facile giocare ogni due giorni e questo vale per tutti, noi con quattro in meno facciamo fatica perchè siamo costretti a spremere quelli che ci sono, questa sera per esempio Jack ci ha dato una grande mano. Dopo cinque mesi che non giochi giocare sei partite in 12 giorni è difficile, è quello che ripeto dall’inizio e non lo dico oggi perché abbiamo perso. Quella contro Brindisi è stata la stessa identica partita dell’altra volta con un finale analogo e risultato invertito, Brindisi poteva vincere lunedì così come potevamo vincere noi questa sera, penso che una vittoria per parte sia giusta. Adesso ci ritroviamo ad affrontare un’altra partita delicata, anche se mi sembra esagerato parlare di sfide delicate a inizio settembre.

Abbiamo costruito una squadra con una precisa e chiara fisionomia, oggi però non possiamo sfruttare le nostre caratteristiche interne: Krubally è stato determinante per Brindisi questa sera e io conto e spero che Justin sia un giocatore di quella tipologia, capace di mettere in difficoltà la squadra avversaria. Oggi si è visto in panchina ma ovviamente ha bisogno di tempo per ritrovare feeling col campo perché come tutti è rimasto fermo tanto tempo. Non abbiamo la possibilità di essere enormi, cosa che invece loro hanno sfruttato con Gaspardo da 3, in prospettiva futura noi con Tillman andremmo addirittura con Bendzius da tre, al momento non abbiamo cambio del cinque e quando manca Miro dobbiamo mandare Burnell a marcare il centro avversario perché per caratteristiche è più abile a marcare un giocatore interno, le rotazioni sui piccoli sono ridotte.

In questo momento ho la netta percezione che ai miei giocatori stiamo richiedendo tanto e ne soffro per questo aspetto; penso che quello che stiamo facendo adesso ci darà un vantaggio sotto un certo punto di vista futuro anche se sotto il profilo del minutaggio sto viziando i miei ragazzi, stanno in campo tanto, faticano ma si divertono. Sarà più complicato un domani farli giocare meno. Per quanto riguarda la mia società e la mia squadra siamo totalmente allineati, anche con Stefano e Federico, e vediamo il bicchiere nettamente pieno, anche se abbiamo avuto la sfortuna di arrivare qui rimaneggiati”.

Fonte: Ufficio Comunicazione Dinamo Banco di Sardegna  

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: