Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Trieste, coach Dalmasson ''Il nostro obiettivo sarà riscattare la partita di Trento''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/14-09-2020/treiste-coach-dalmasson-nostro-obiettivo-riscattare-partita-trento-600.jpg

Social

Ultimo appuntamento di girone, per questa Eurosport Supercoppa 2020: l’Allianz Pallacanestro Trieste è pronta a ricevere la De' Longhi Treviso, nella giornata di lunedì 14 (palla a due alle ore 20.00 all’Allianz Dome di Via Flavia - arbitri dell’incontro i signori Saverio Lanzarini, Lorenzo Baldini e Federico Brindisi; diretta streaming su Eurosport Player e radiofonica su Radio Punto Zero).

E’ tutto ancora da giocare nel Girone C, stante la sconfitta di Venezia a Treviso: al momento, Trieste è seconda nel raggruppamento a quota 6 punti (al pari della Reyer), ma Trento e Treviso sono sempre lì, a quota 4, e dunque hanno tutte le carte in regola per poter competere e guadagnarsi le Final Four: all’andata, la formazione biancorossa si era imposta per 77 - 81 al PalaVerde, con un ottimo Grazulis (17 con 4/5 da due e 3/4 nelle triple) ed un Henry da 14 punti e 9 rimbalzi. Per la Dè Longhi, i più produttivi erano stati Nicola Akele (17 con 6/11 dal campo e 6 rimbalzi) ed il nigeriano Mekowulu, con una gara da 16 punti e 8 carambole.

In casa Allianz, coach Eugenio Dalmasson fotografa la situazione della sua squadra nel post-Trento: “Non siamo sicuramente contenti della prestazione offerta contro la Dolomiti Energia; al di là di evidenti giustificazioni che ci possono essere, rimane una gara non all’altezza rispetto a quelle fatte in precedenza. Chiaramente, affrontare due trasferte così dure in tre giorni, in un girone equilibrato come si sta dimostrando il nostro, ci fa capire che la sconfitta poteva starci, ma magari il modo doveva essere differente. Certo è che può capitare, all’interno di una gara dove il team ha ridotto notevolmente le rotazioni”.

E proprio a proposito di rotazioni, il tecnico biancorosso parla anche di Grazulis ed Henry, non impiegati in quel di Trento: “Stanno continuano il loro percorso di terapie e lavoro di recupero in palestra. Sono costantemente monitorati e cerchiamo di agevolarne il rientro al più presto, ma è chiaro che in questo periodo della stagione non vale la pena forzare: valutiamo di ora in ora, ma il nostro obiettivo è quello di arrivare nelle migliori condizioni al 27 di settembre, quando comincerà la stagione”.

La chiusura è sul prossimo impegno, contro la De' Longhi Treviso: “E’ una partita molto dura - continua Dalmasson -, veniamo da due gare difficili ma anche contro Treviso non sarà assolutamente semplice, perchè anche loro hanno ancora la possibilità di conquistare la Final Four. I giochi sono aperti per tutti e questa è una bellissima cosa, è un segnale che tutte le squadre hanno interpretato al meglio questa manifestazione; il nostro obiettivo sarà riscattare la partita di Trento in primis, ma chiaramente vogliamo provare a vincere, anche perchè in casa abbiamo sempre fatto partite di un certo livello. Daremo tutto, ma ricordiamoci anche che siamo in un periodo che normalmente sarebbe di “precampionato” e questa Supercoppa bellissima ed utilissima ha anche anticipato in maniera notevole giudizi e situazioni”. 

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Trieste

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: