Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Olimpia Milano, coach Messina ''Dovremo giocare una grande partita difensiva per pensare di poter battere la Virtus''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/19-09-2020/olimpia-milano-coach-messina-dovremo-giocare-grande-partita-difensiva-pensare-poter-battere-virtus-600.jpg

Social

Ci siamo. Il momento-clou di questa primissima parte di stagione è arrivato. Domenica 20 settembre, l’Olimpia si gioca la finale di Supercoppa cui arriva con sette vittorie su sette nella competizione e 11 successi su 11 considerando anche gli altri due tornei disputati, a Cagliari e lo scorso weekend a Kaunas. Per conquistare la quarta Supercoppa della sua storia, dovrà però vincere a Bologna, in trasferta, contro la Virtus (alle 18.00, con diretta su Eurosport 2 e Eurosport Player). La squadra di casa ha battuto in semifinale la Dinamo Sassari allungando nel quarto conclusivo. Milano ha battuto la Reyer Venezia costruendo il successo nel primo tempo quando ha dilagato a più venti e poi ha toccato i 23 di distacco all’inizio del terzo periodo.

Quando le percentuali sono scese, la Reyer si è avvicinata. L’Olimpia ha conservato un vantaggio consistente grazie alla sua difesa, che ha generato palle rubate e qualche canestro facile in contropiede. Il resto l’hanno fatto i rimbalzi d’attacco e la capacità, attaccando il ferro, di guadagnarsi viaggi in lunetta. Non ha tirato bene dalla linea come altre volte, ma è stato sufficiente. L’Olimpia, che in Supercoppa aveva il 49% da tre, prima assoluta, in semifinale si è inceppata nella ripresa scendendo sotto il 25% anche con gli specialisti, basti pensare a Kevin Punter che ha trovato il modo di produrre 15 punti ma con il sostegno di un solo canestro da tre punti su sette tentativi. Ovviamente, la finale rappresenta l’ostacolo più alto, non solo per la consistenza dell’avversario, ma anche per il fattore campo. L’Olimpia si è allenata a Bologna in tarda mattinata.

COACH ETTORE MESSINA – “Siamo molto contenti di giocare la finale di una competizione che è stata molto bella e interessante, sia nella fase eliminatoria che nelle due gare di semifinale. Ovviamente, sappiamo di giocare contro un’avversaria molto forte, profonda, ben allenata, che ha tante possibilità da utilizzare. Dovremo giocare una grande partita difensiva per pensare di poterla vincere”.

GIGI DATOME – “E’ una partita che assegna un trofeo, quindi innanzitutto siamo felici di giocarla, mi auguro in una bella cornice. Finora siamo stati capaci di fare un buon lavoro, ma sarà importante continuare ad essere noi stessi e giocare la nostra partita per provare a vincere il trofeo contro un avversario naturalmente forte”.

GLI ARBITRI – Manuel Mazzoni, Carmelo Lo Guzzo e Andrea Bongiorni.

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: