Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Brescia, Dusan Ristic si presenta ''Il mio compito sarà quello di aiutare a vincere più partite possibili''

Nella sede operativa di San Zeno Naviglio si è svolta la presentazione ufficiale di Dusan Ristic, introdotto alla stampa all’indomani del suo esordio in campo con la maglia di Brescia in occasione del Trofeo Roberto Ferrari, chiuso con 14 punti e 6 rimbalzi all’attivo.

Assieme al centro titolare della Germani, era presente al tavolo anche il direttore sportivo Marco Abbiati, chiamato ad introdurre il profilo del giocatore serbo e inquadrare le scelte tecniche che hanno spinto lo staff a selezionarlo come pedina vincente: “Abbiamo scelto Dusan perché volevamo un giocatore dalla stazza fisica diversa dai giocatori che abbiamo sempre avuto, non solo per il campionato ma soprattutto per le competizioni europee”.

“Non è stato facile trovare un profilo come il suo, così ambìto sul mercato, soprattutto in Eurolega – continua il direttore sportivo del club -. È un giocatore che sa muoversi molto bene sotto canestro ma ha anche una buona mano, tra pick and roll, pick and play e pick and pop”.

“È un onore giocare in un team come Brescia, una squadra ambiziosa di cui apprezzo la filosofia, l’ordine e l’organizzazione – le prime parole di Ristic -. Ho avuto poco tempo per allenarmi con i compagni, ma i veterani come Luca Vitali, David Moss e Brian Sacchetti mi hanno aiutato molto nel processo di integrazione in squadra”.

“È stato strano tornare in campo dopo sei mesi dall’ultima volta, ma anche straordinario – prosegue il lungo serbo -. Anche se al Trofeo Ferrari non c’erano molti tifosi, i pochi presenti hanno saputo rendere l’esperienza ancora migliore. Inoltre, per la prima volta siamo scesi in campo al completo: un grande passo avanti per noi”.

“Mentre venivano risolti i problemi con il visto ne ho approfittato per prepararmi meglio mentalmente per farmi trovare pronto sul campo – conclude il giocatore -. Ora ci sono. La mia migliore qualità? Quella di fare ciò che mi viene chiesto di fare. Il mio compito sarà, come sempre, quello di aiutare a vincere il più partite possibili”.

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Brescia 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: