Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Il Basket Mestre supera in amichevole l'Oderzo Basket

Dici Calorflex Oderzo e la mente dei tifosi biancorossi non può che andare alle decine di sfide al calor bianco andate in scena in anni recenti per il primato sui palcoscenici della C Gold; e dunque, per quanto ieri sera fosse solo un’amichevole, affrontare la compagine trevigiana regala sempre qualche brivido di emozione in più rispetto ad altre avversarie e molto agonismo sul parquet. È accaduto così pure ieri, nel quarto test precampionato del Vega Mestre, alla fine vittorioso su Oderzo Basket per 96-82 (23-24, 27-21, 22-20, 23-18) dopo una partita parecchio combattuta.

Proprio la fisicità degli ospiti ha messo in difficoltà i Grifoni di coach Volpato nella prima fase di gara, in cui i nostri ragazzi sono apparsi soffrire più del dovuto le “mani addosso” della Calorflex, dal canto suo brava a tenere testa, non solo nel punteggio, a Salvato e compagni. Con il passare dei minuti, Mestre è però cresciuta, prendendo bene le misure al metro arbitrale e iniziando a difendere come vuole il suo allenatore; ciò si è tradotto in una maggiore fluidità anche in attacco, dove il Vega ha potuto esprimersi in velocità sfruttando il buon lavoro a difesa del proprio canestro. Pian piano il divario tra le due compagini è via via aumentato, in un contesto comunque equilibrato in cui i biancorossi hanno alternato ottime fasi di gioco a cali fisici e di tensione, di cui Oderzo ha prontamente approfittato per rimanere dentro la partita.

Nel complesso bene i singoli, ad iniziare dal “bocia” Marco Rampado che ha risposto ottimamente quando chiamato in causa siglando anche triple pesanti, al pari di un Mauro Pinton che ha fatto vedere di avere in attacco già in mano le chiavi della squadra, con tempi di gioco e scelte importanti; buone prove anche per Spatti, così come per Dal Pos - in crescita in fase difensiva - e Fazioli, mentre la carica nel momento più difficile, specie in difesa, è arrivata dalla grinta di capitan Salvato. Bella e combattuta, come tradizione, la sfida sul parquet tra Maran e l’opitergino Ibarra. Un po’ in ombra, rispetto alle precedenti uscite dove forse era stato il migliore in campo, Rinaldi, ma del resto in questa fase di preparazione sono normali gli alti e bassi, come potrà testimoniare pure Lazzaro al rientro da un infortunio e apparso nei primi minuti leggermente imballato.

“Bisogna continuare a lavorare - spiega il vice coach Antonio Peruzzo - soprattutto sulle intese e sulle collaborazioni difensive; sappiamo che la strada da compiere è ancora lunga. Tuttavia, si è trattato di una partita vera e ci fa piacere, perché la squadra ha dimostrato un’ulteriore crescita rispetto alle ultime amichevoli”.

Fonte: ufficio stampa Basket Mestre 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: