Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Trieste, Marcos Delia si presenta ''Non vedo l'ora tornare in campo, sono ansioso di tornare a giocare''

Un martedì con doppia seduta di allenamento per i biancorossi agli ordini di coach Eugenio Dalmasson, che si sono ritrovati questa mattina alle 10 e alle 17 del pomeriggio per preparare al meglio la sfida del Palaleonessa di Brescia. Nel mezzo un appuntamento che è un classico per l'inizio della stagione, quello con il Media Day della LBA: shooting fotografico e videointerviste per approfondire la conoscenza dei componenti della prima squadra. Sorridente davanti all'obbiettivo delle fotocamere anche il neoacquisto Marcos Delìa, che ha voluto presentarsi anche ai suoi nuovi tifosi:

"Non vedo l'ora tornare in campo, sono ansioso di tornare a giocare - ha detto il centro argentino - Mi sono allenato per tutte l'estate individualmente. Ho lavorato molto sul mio corpo e sui fondamentali. Devo ritrovare il ritmo di gioco, quello verrà stando in campo, ma sono convinto che in questo i miei compagni di squadra mi aiuteranno moltissimo. Domenica ero all'Allianz Dome a seguire la partita e quello che mi è balzato agli occhi come prima cosa è la chimica che c'è in squadra. Poi il cuore. So che ci sono diversi infortuni, ma nessuno di quelli scesi in campo ha mollato un solo centimetro e hanno lasciato tutto sul parquet. Giocare in una squadra con questo tipo di attitudine per me è una grande opportunità".

Rispetto al suo rapporto con il Lobito Fernandez, Marcos è convinto che "Juan sarà importante per la mia integrazione in squadra. Lo conoscevo bene già prima di venire a Trieste, abbiamo giocato assieme in nazionale. Ho seguito la sua stagione passata, è una cosa che cerco di fare con tutti i ragazzi argentini che giocano nella lega. Lui è qui a Trieste da diversi anni, conosce bene la società, la città, e me ne ha parlato solo bene".

Ai tifosi l'argentino ci tiene a dire che "darò il massimo. Non vedo l'ora di scendere in campo con questa maglia e di vederli sugli spalti. Certo sarà diverso ma spero di poter tornare a vedere quegli spalti pieni di cui Juan mi parlava, perché per un giocatore non c'è emozione più bella". 

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Trieste

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: