Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Trento, coach Brienza ''Sono contento, abbiamo giocato la partita che volevamo''

Missione compiuta per la Dolomiti Energia Trentino, che sbanca Pesaro 57-71 e coglie il primo successo della sua stagione in Serie A UnipolSai: nel quarto turno di campionato bella prestazione di intensità e carattere per i bianconeri, che hanno confermato i buoni segnali emersi nelle recenti vittorie di coppa con 40’ di grande difesa di squadra coronati dal finale in crescendo per scrollarsi di dosso una Carpegna Prosciutto Pesaro mai doma. Le parole di coach Nicola Brienza:

«Sono molto contento della vittoria di oggi, ovviamente perché è la prima in campionato e poi perché era così che avevamo preparato la gara. Come a Nanterre sapevamo che ci sarebbe servito un grande sforzo fisico e mentale in difesa e siamo stati bravi a farlo: sono stati eccellenti i nostri esterni sugli uno contro uno di Pesaro, sono stati altrettanto bravi i nostri lunghi a limitare le ricezioni di Cain in post. Abbiamo sbagliato qualche buon tiro nel primo tempo che avrebbe potuto darci un po’ di margine in più, ma in generale anche nei momenti di difficoltà in attacco siamo stati bravi a tenere sempre ad alto ritmo e ad alta intensità la nostra difesa, aspetto su cui siamo cresciuti molto rispetto a qualche settimana fa. Ora ci aspetta un doppio impegno di fronte al nostro pubblico, siamo contenti di poter tornare a giocare in casa e vogliamo continuare a crescere e migliorare». 

Fonte: ufficio stampa Aquila Basket Trento

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: