Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Jesi, Altero Lardinelli ''Penso che la cosa migliore sia partire il 22. Non cominciare creerebbe più danni che giocare''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/10-11-2020/jesi-altero-lardinelli-penso-cosa-migliore-partire-cominciare-creerebbe-danni-giocare-600.jpg

Social

Si continua a discutere senza sosta sull'opportunità o meno di iniziare i campionati di Serie A2 e Serie B nel weekend del 21-22 Novembre. Nella serata di ieri la Janus Fabriano ha pubblicato una nuova lettera (LEGGI QUI) a firma del Presidente Mario Di Salvo, indirizzata ai massimi dirigenti delle altre 63 società del campionato cadetto. Lo scopo è quello di provare ad allargare il fronte dei club contrari ad iniziare il torneo tra meno di due settimane. L'Amministratore Unico dell'Aurora Jesi Altero Lardinelli ha affidato il suo punto di vista a Il Resto del Carlino - Edizione Ancona. Queste alcune delle sue parole:

"In situazioni eccezionali come quella che stiamo vivendo non è facile dare delle risposte. Su alcuni punti posso essere d’accordo con il presidente Di Salvo, personalmente penso che la cosa migliore sia ripartire. Siamo fermi da un anno e stiamo sparendo alla vista di sponsor e appassionati, un calo di interesse che rischia di avere conseguenze sempre più disastrose per l’intero movimento. Rinviare ulteriormente, a quando poi, a gennaio, marzo? Non avrebbe senso, non cominciare affatto creerebbe danni molto più gravi che giocare. Nella maggior parte dei casi il basket è la principale fonte di reddito non solo per tecnici e giocatori ma anche per altre famiglie, c’è un indotto importante a fianco della nostra attività, rinviare ulteriormente o peggio ancora non ripartite affatto, non cambierebbe la sostanza della situazione e se non si ricomincia si rischia davvero la bancarotta".

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: