Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Ancona, Gianmaria Vacirca ''La stagione 20/21 sarà difficilissima, ma non giocare non servirebbe a niente''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/12-11-2020/ancona-gianmaria-vacirca-stagione-2021-difficilissima-giocare-servirebbe-niente-600.jpg

Social

Il Campetto Ancona è tra quelle società che, pur avendo sottoscritto la lettera con alcune proposte inviata alla LNP ed inoltrata alla Fip, è favorevole alla partenza del campionato di Serie B nel weekend del 21-22 Novembre. Ne ha parlato il GM Gianmaria Vacirca a Il Resto del Carlino - Edizione Ancona. Queste alcune delle sue parole:

"Come società abbiamo sottoscritto, insieme a tutte le altre 15 squadre del girone, una lettera di intenti rivolta alla Lega, con preghiera di inoltro alla Federazione. Tutta una serie di proposte, tra cui eventuali raggruppamenti a otto squadre. Se non ci fosse questa possibilità chiediamo di inziare con una fase legata alla vicinanza tra le squadre. Incominciando a giocare tra Marche e Abruzzo, quindi. Sarà molto difficile che ciò avvenga, ma sarà anche più difficile un differimento dell’inizio del campionato, Lega e Federazione ce l’hanno fatto capire in tutti i modi".

"La stagione 2020-21 sarà difficilissima e complicatissima. Fondamentale sopravvivere. Per esserci l’anno prossimo. Certo, con ripercussioni enormi dal punto di vista economico. Ma non giocare non servirebbe a niente. A gennaio non cambierà nulla".

"Si giocherà regolarmente il 22 Novembre? Sì, questo è l’intendimento di Lega e Federazione. E poi il basket è di chi lo gioca. I giocatori hanno voglia, hanno bisogno di giocare. Si deve provare a fare in modo che questi ragazzi facciano il loro lavoro. Permettendo loro di farlo nella maniera migliore possibile".

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: