Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Civitanova, Lorenzo Andreani ''Giocare a porte chiuse incide parecchio. A San Vendemiano esordio tosto''

È stato il grande ritorno dell’estate virtussina quello di Lorenzo Andreani. Il play da Porto Recanati, dopo la mezza stagione vissuta in Lombardia alla Sangiorgese, è tornato a casa per prendere la plancia di comando della nuova Rossella.

«Ho trovato una società che sta facendo passi in avanti costanti da quattro anni a questa parte, da quando arrivai qui ai tempi della Serie C – sottolinea il regista biancoblu – la squadra è un mix tra giovani ed esperti. Da un lato c’è gente come Milani e Casagrande che ha esperienza ai piani superiori, dall’altra un nucleo che è qui da anni e ha acquisito esperienza. Felicioni e Vallasciani li ho ritrovati molto più pronti alla categoria, poi c’è Rocchi che secondo me è la nostra arma in più»

Ormai la preparazione va avanti da un paio di mesi, con in mezzo l’esperienza in Supercoppa Centenario. Ma secondo Andreani non è facile giudicare dopo un periodo così particolare. «La squadra va bene, non serve molto per trovarsi in campo, ma giudicare dal punto di vista agonistico dopo una Supercoppa senza pubblico, con assenze continue e partire rinviate non è semplice – precisa il numero 9 virtussino – è dura restare sempre concentrati e giocare come se fosse campionato. Penso servirà attendere le prime partire vere, sempre coscienti che giocare a porte chiuse incide parecchio».

Il weekend che verrà sarà ancora una volta di riposo per la Rossella, ma da venerdì scattano le Final Eight di Supercoppa in quel di Cento e “Lollo” si lancia in qualche pronostico sui quarti di finale. «Tra Alba e Bernareggio vedo meglio la seconda, una squadra che ho affrontato l’anno scorso e che ho visto anche in questo inizio di stagione e mi sembra una buonissima squadra – analizza Andreani – Alba la conosco poco, ma Bernareggio è un gruppo che sta insieme da anni e ha grandi qualità, la vedo favorita.

Tra Vicenza e Imola vedo i veneti favoriti. Una squadra molto preparata grazie al lavoro di coach Ciocca, si vede che ha allestito la squadra che voleva. Fabriano-Rieti è il big match ed è difficile sceglierne una. Dico Fabriano perché è un gruppo già formato dallo scorso anno, ma Rieti ha dei giocatori davvero illegali per la categoria. Agrigento non partirà per Cento quindi la Nardò dei miei amici Coviello e Burini è già qualificata per la semifinale e sono contento per loro, hanno fatto delle bellissime partite nella prima fase».

In casa Rossella, però, ci si prepara già al match del prossimo weekend: sabato 21 novembre prima giornata sul campo della Tenuta Belcorvo San Vendemiano. «Subito un inizio parecchio tosto – conferma Andreani – una trasferta lunga, una squadra tosta, giovane e di qualità che sta da anni insieme. Il problema è che noi veniamo da un periodo con tante assenze che non sappiamo se recupereremo per la partita. Se siamo quelli di oggi, sarà non dura, durissima».

Fonte: ufficio stampa Virtus Basket Civitanova Marche 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: