Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Cantù, coach Pancotto ''Vedo il bicchiere mezzo pieno. Sono più i meriti di Milano che i demeriti nostri''

L’Acqua S.Bernardo cede in casa nel derby contro la più quotata Milano, non prima, però, di aver lottato alla pari per 20’ abbondanti. 71-89 il finale del “PalaBancoDesio”, di seguito il commento di coach Cesare Pancotto:

«Mi piace pensare di dover già rimboccarci le maniche. Ritornare a giocare mercoledì con ancora più determinazione e qualità: questo dovremo fare. Lo dico perché dopo la gara con Milano vedo il bicchiere mezzo pieno, un bicchiere che avremmo dovuto riempire durante tutta la partita. Purtroppo, però, nel terzo quarto Milano ha tirato fuori tutto il suo talento, la sua qualità e la sua esperienza; quel break ha praticamente deciso l’esito della gara.

Nonostante ciò, devo dire bravi ai miei giocatori: ritornare dopo un mese, o per qualcuno anche di più, come nel caso di Jaime Smith, e giocare una partita di altissimo livello nel primo tempo vuol dire che qualcosa di importante dai miei giocatori è stato fatto. Anche nell’ultimo quarto abbiamo giocato alla pari di Milano. Avremmo voluto fare quattro periodi buoni ma non era facile e, se non ci siamo riusciti, credo sia stato più per meriti di Milano che per demeriti nostri».

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Cantù

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: