Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Il Sindaco di Torrenova ritira l’ordinanza: Bernareggio farà i tamponi 48 ore prima della partita

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/25-11-2020/sindaco-torrenova-ritira-lordinanza-bernareggio-tamponi-prima-partita-600.jpg

Social

Questo il post pubblicato dal sindaco di Torrenova Salvatore Castrovinci in merito all'ordinanza da lui stesso firmata due giorni fa che impediva l'ingresso nel comune siciliano della squadra lombarda in occasione della gara di campionato prevista per Domenica prossima:

“Sapevamo che l'ordinanza di divieto di ingresso nel nostro territorio comunale alla squadra di Bernareggio per disputare la partita valevole per il campionato di serie b di basket sarebbe stato un provvedimento forte e anche unico a livello nazionale, ma siamo riusciti a raggiunge il nostro obiettivo che era quello di tutelare tutta la comunità da eventuali contagi. Difatti, stamattina e' arrivata la pec del presidente del Bernareggio 99 che mi comunicava che tutto lo staff avrebbe fatto i tamponi 48 ore prima della gara (come protocollo professionisti serie A). Ma, notizia ancora più importante e soddisfacente giunge direttamente dalla Lega Nazionale Basket!

E' giunta nota ufficiale a firma del segretario generale della lega Dott. Faraoni che mi comunica che estenderanno il protocollo sanitario della serie A1 e A2 alla serie B e che già le società hanno avuto indicazioni di fare un tampone rapido 48 ore prima di ogni gara. Venute meno, pertanto, le ragioni sanitarie poste a base dell'ordinanza, oggi stesso provvederò a revocarla. Mi preme chiarire che, in ogni caso, l'ordinanza non è frutto di pura fantasia o di sola provocazione, ma deriva la propria legittimità da tutto l'impianto normativo vigente a livello nazionale e che le misure di divieto di allontanamento e di ingresso nei territori comunali sono espressamente contemplate tra quelle adottabili dai sindaci a tutela del proprio territorio. Orgoglioso, pertanto, del risultato ottenuto: oggi finalmente possiamo dire che hanno vinto il buon senso e la tutela della salute pubblica”.

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: