Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'avventura dell'Unione Basket Padova inizia dalla sfida interna contro la Tramarossa Vicenza

Si parte, finalmente. Dopo tante incertezze e i rinvii connessi all’allargamento dei contagi da Coronavirus, la stagione regolare della Serie B Old Wild West è giunta al suo varo. Domenica, ore 18, il Guerriero Padova fa il suo storico debutto nel terzo campionato nazionale confrontandosi con la Tramarossa Vicenza tra le nuove mura amiche del palasport Gozzano. In regime anti-Covid, la gara andrà in scena a porte inevitabilmente chiuse, ma potrà essere seguita dagli appassionati attraverso il canale ufficiale You Tube della Lega Nazionale Pallacanestro e tramite gli aggiornamenti sulle pagine social dell’Unione Basket Padova.

L’AVVERSARIA. Padova-Vicenza è il primo di una serie di derby veneti che movimenteranno il girone C1 di Serie B, in cui sono state inserite cinque squadre venete (alle due padovane UBP, Virtus e a Vicenza, si affiancano Mestre e Rucker San Vendemiano), due friulane (Falconstar Monfalcone e UEB Cividale) e una marchigiana (Senigallia). Guerriero e Tramarossa si ritrovano l’una di fronte all’altra per la terza volta in tre mesi, dopo l’amichevole dello scorso settembre e lo scontro in Supercoppa Centenario, entrambi nettamente appannaggio della formazione berica guidata da “Cece” Ciocca, ex coach di Bergamo, società in cui ha militato per un biennio anche Nick Cazzolato condividendo proprio con il tecnico l’approdo in Serie A/2.

QUI UNIONE. Nonostante i precedenti negativi, l’Unione conta di potersela giocare, come peraltro ha già dimostrato il match di Supercoppa, dove per tre quarti di gioco ha messo in seria difficoltà Corral e compagni. È chiaro però che servirà mantenere la continuità nell’arco dell’intero incontro per strappare una vittoria che fornirebbe un’incredibile iniezione di fiducia per la successiva trasferta di Monfalcone e il derby con la Virtus, in programma domenica 13 dicembre sempre alla Gozzano.

L’ANALISI. Coach Giuliano Calgaro ha ripetuto in diverse occasioni quanto sia importante iniziare con il piede giusto. Durante la pre-season, a mettere i bastoni tra le ruote ai suoi propositi sono intervenuti prima due casi di positività e poi qualche infortunio, a cui hanno tuttavia sopperito egregiamente i giovani arruolati dall’Under 18 Eccellenza del Petrarca. «Sotto un certo punto di vista, abbiamo passato un’altra settimana un po’ travagliata, ma rispetto alla sfida di Supercoppa recuperiamo Scattolin e Cazzolato», spiega il tecnico,

«Proveremo a impostare la gara sulla falsariga della precedente, ma con l’idea di ridurre palle perse ed errori banali. Se riusciremo a piazzare un break, dovremo essere più lucidi nel gestire la situazione di vantaggio. Vicenza si è sempre allenata regolarmente a partire da agosto ed è una squadra profonda, con Hidalgo a guidare la transizione e a rendersi pericoloso nel tiro da fuori, assieme agli esterni-tiratori Cernivani e Chiti, che mettono in ritmo tutto l’attacco. Partire bene per noi è fondamentale: può garantirci un’energia unica con cui affrontare anche i prossimi impegni. Siamo gli “ultimi” del nostro minigirone, ciò significa che bisogna essere pronti a lottare ogni secondo di ogni partita».

Fonte: ufficio stampa Unione Basket Padova 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: