Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Euroleague, convincente vittoria per l'Olimpia Milano contro l'Alba Berlino

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/01-12-2020/euroleague-convincente-vittoria-olimpia-milano-alba-berlino-600.jpg

Social

Dopo cinque minuti di equilibrio, l’Olimpia prende con energia il controllo della partita, che comanda con vantaggi imponenti, prima di chiuderla 75-55. E’ stata la terza in fila in EuroLeague, non c’è stato bisogno di prestazioni eroiche o prodezze come a Tel Aviv, ma di tanta difesa di squadra e la collaborazione di tutti. Milano ha piazzato un tremendo break di 16-0 a cavallo dei due periodi iniziali e non ha mai dato la sensazione di poter soffrire nel mantenere il vantaggio. Nel secondo quarto ha tenuto l’Alba a nove punti appena, attorno al 20% nel tiro da tre e 16 palle perse. Sono state queste le cifre decisive nel 75-55 conclusivo.

IL PRIMO QUARTO – L’Alba Berlino parte con un quintettone in cui Louis Olinde gioca da ala piccola accanto alla coppia Sikma-Lammers. L’Olimpia mette la testa avanti per la prima volta su una tripla dall’angolo di Kevin Punter che allunga a 16 il numero di gare consecutive con almeno un canestro da tre punti. Fatica a sbloccarsi in attacco, ma tiene e pareggia ancora su un altro canestro da tre, di Jeff Brooks, creato da un rimbalzo offensivo strappato da Kaleb Tarczewski. Dopo otto minuti su una rubata di Rodriguez, LeDay da tre spinge Milano avanti 16-13. Con una buona esecuzione offensiva, l’Olimpia si guadagna quattro viaggi in lunetta consecutivi e chiude il primo quarto avanti 19-13.

La nota
: l’Olimpia ha chiuso la prima frazione con un parziale di 8-0, poi ha proseguito nel secondo arrivando a confezionare un break di 16-0.

IL SECONDO QUARTO – Milano continua a difendere forte e scappa a più 14 prima che dopo quattro minuti Luke Sikma con lungo jumper fermi l’emorragia. Gigi Datome con una sequenza da stoppata e tripla sul ribaltamento riapre 15 punti di margine per l’Olimpia sul 32-17. Rodriguez, con una prodezza dall’arco, tocca momentaneamente i 16 di distacco dopo nove minuti, poi l’Olimpia tiene alto il livello dell’attenzione difensiva e finisce per timbrare i venti punti di vantaggio all’intervallo, 42-22.

La nota
: l’Alba è stato tenuto a nove punti nel secondo periodo con 4/17 dal campo e sei palle perse.

IL TERZO QUARTO – Malcolm Delaney parte con cinque punti consecutivi che dilatano il vantaggio a 25 punti, poi però commette il terzo fallo su un’iniziativa di Peyton Siva e deve tornare in panchina prima del previsto. Rodriguez mette nelle mani di Shields il pallone del più 26 a metà del periodo e poi dalla lunetta firma il più 27. Un paio di vuoti a rimbalzo permettono all’Alba di piazzare un miniparziale cui Coach Messina replica con un pronto time-out. Rodriguez ne esce con un’altra tripla e Milano finisce il quarto avanti 64-41.

La nota
: nel terzo l’Olimpia ha tirato solo quattro volte da tre, ma segnando tre volte, con tre giocatori differenti.

IL QUARTO QUARTO – L’Alba ha un buon sussulto con due canestri consecutivi da tre di Olinde e approfittando di un calo di qualità nell’esecuzione offensiva di Milano torna a meno 18. La risposta arriva dall’angolo con un missile di Punter. Negli ultimi cinque minuti l’Olimpia controlla il risultato, 75-55.

La nota
: quella di Kevin Punter è stata la 13° partita consecutiva in doppia cifra e l’11° con più di un canestro da tre punti. 

Per i tabellini completi CLICCA QUI

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: