Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Trento, coach Brienza ''Abbiamo lavorato duro. Contro Cantù dobbiamo ritrovare il fuoco dentro''

L'Aquila Basket Trento ospita la Pallacanestro Cantù. Queste le parole di coach Nicola Brienza alla vigilia della gara:

«Affrontiamo Cantù che è una squadra giovane e di grande entusiasmo, guidata in campo e nello spogliatoio da due veterani di grandissimo valore come Smith e Leunen: l'assenza di Jaime sicuramente per loro non è una buona notizia, ma nonostante questa mancanza i brianzoli hanno voglia di riscatto dopo la sconfitta contro Cremona e sono sicuro metteranno in campo una performance di grande intensità ed agonismo. Il gruppo degli stranieri è davvero interessante, con Johnson che ha mostrato lampi di grande talento ed è una delle sorprese del campionato, Woodard è un ottimo realizzatore, Kennedy dà presenza difensiva e fisica nel pitturato.

E poi ci sono alcuni giovani italiani di grandissime prospettive come Pecchia e Procida, che credo potranno avere un ruolo anche nelle prossime Nazionali. Noi dovremo essere bravi ad arginare il loro dinamismo e la loro voglia di riscatto. A livello personale, Cantù per me sarà sempre speciale, è il posto dove sono nato e cresciuto, un ambiente che conosco: affrontarli dà sempre un'emozione particolare, poi però una volta che si alza la palla a due c'è solo il campo.

Per quanto riguarda noi, siamo reduci da due partite in trasferta molto particolari: a Venezia abbiamo avuto un approccio mentale davvero forte e incisivo, abbiamo giocato per larghi tratti al massimo della nostra intensità come dovevamo fare; a Lubiana invece al di là della buona prestazione dei nostri avversari ci è mancato un po' quel fuoco dentro che ci aveva sempre contraddistinto e alle prime difficoltà non abbiamo avuto la costanza e le risorse per rimanere in partita. In questi giorni abbiamo lavorato duro, ci siamo rimessi in carreggiata per farci trovare pronti ad una serie di partite davvero molto importanti, a partire da quella di domani contro Cantù».

Fonte: ufficio stampa Aquila Basket Trento 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: