Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

San Marino, coach Porcarelli ''La pazienza è la virtù dei forti. Ne usciremo, anche se si dovrà aspettare ancora un po’''

Manca. Tutti sappiamo cosa. Il nostro basket. La transizione non è per nulla semplice, ma la bufera deve essere attraversata con spirito positivo. I Titans ci sono, si allenano seguendo le disposizioni vigenti e sperano che al più presto si possa tornare alla normalità.

Facciamo il punto della situazione con coach Simone Porcarelli. Coach, avrei immaginato di chiederti un bilancio della prima parte di campionato di C Silver prima di Natale, ma non sarà così. Ti chiedo allora di descrivere questi mesi strani, per la squadra e anche per te, alla prima esperienza da capo allenatore.

Beh, non me l’aspettavo un’annata di questo tipo, ma pure questo è un banco di prova. È vero che è la prima volta che alleno una squadra senior ma è altrettanto vero che chi allena una squadra senior è per la prima volta, quest’anno, alle prese con problemi di questo tipo a inizio stagione. Siamo un po’ tutti sulla stessa barca, cercando di cavarcela con le conoscenze che abbiamo. La prima squadra sta lavorando individualmente e so che anche molte altre formazioni del nostro campionato si stanno allenando. Fino alla possibilità di lavorare coi contatti e disputare le amichevoli direi che ho visto un gruppo in crescita, stavamo smaltendo i carichi dell’inizio giocandocela con buone squadre nei vari scrimmage. Poi lo stop, lo spostamento dell’inizio del campionato e il conseguente cambiamento nell’approccio agli allenamenti, con l’inevitabile lavoro individuale. I ragazzi l’hanno comunque presa bene, ed entrano sempre in campo nella maniera migliore, con un ottimo spirito agonistico.

Cosa ti aspetti che accada a gennaio?

Sono realista. In tutta Italia l’attività non riprenderà prima di metà gennaio e, partendo dal presupposto che una squadra per prepararsi al campionato ha bisogno di almeno un mesetto, direi che i campionati non inizieranno prima di metà febbraio. In questo sono pessimista. Credo che la formula verrà rivista, stiamo a vedere.

Viro sul settore giovanile: come sta andando il lavoro con gli Under?


Under 16 e Under 18 fanno parte anche di progetti più ampi come quelli delle Nazionali. Con tutti i ragazzi, ancor più, si deve assolutamente sempre lavorare sui fondamentali. Dunque, è stato solo prolungato il tempo di lavoro individuale nel singolo allenamento, si lavora in maniera ancora più dettagliata e specifica per far crescere tutti i ragazzi. Mi dispiace che si siano fermati i più piccoli, dagli Under 14 in giù: è chiaro che gli incontri su zoom non sono la stessa cosa ma ci adeguiamo al momento.

Qual è l’auspicio per il 2021?

L’invito rivolto a tutti gli sportivi è quello di avere pazienza. La pazienza è la virtù dei forti. Ne usciremo, anche se si dovrà aspettare ancora un po’. Nell’ultimo anno il virus ci ha portato via tante cose e c’è stato da soffrire, ma dobbiamo affrontare il momento da veri sportivi quali siamo, con determinazione, energia e senza abbattersi. Prendiamo quello che di buono ci viene dato e andiamo avanti. 

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Titano San Marino

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: