Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Ravenna, coach Cancellieri ''Non riusciamo ad essere incisivi nel momento che conta''

L’OraSì non riesce a regalarsi la prima vittoria del nuovo anno, nonostante una prova coriacea e una bella rimonta nella parte centrale del match. La sfida finisce a favore di Pistoia con il punteggio di 72-74. Dopo un avvio in salita e uno svantaggio subito in doppia cifra, la squadra di coach Cancellieri era tornata prepotentemente in partita grazie soprattutto all’apporto dei suoi giocatori più esperti, prima di perdere contatto nel finale. Per Daniele Cinciarini 23 punti a referto. Il commento a fine gara di coach Cancellieri:

“Anche oggi siamo riusciti a trovare guizzi ed energia per tenere la sfida in equilibrio. Dopo una partenza ad handicap nel secondo quarto avevamo già rimesso in piedi la partita, mentre nel finale facciamo ancora fatica. Dobbiamo essere più bravi a rispettare le gerarchie e insistere laddove abbiamo vantaggi, ma in questo siamo penalizzati dalla gioventù e dalla mancanza della forza necessaria in quei momenti, che manca a molti giocatori privi di un vissuto cestistico importante. Abbiamo tenuto testa a Pistoia avendo difeso bene e non mi preoccupa il mancato apporto degli americani in questa partita, perché se gli avversari mettono il corpo e l’energia di Wheatle per annullare James hanno delle qualità e gliele riconosco. La cosa più difficile è che non riusciamo ad essere incisivi nel momento che conta. L’intensità e la voglia di aiutarsi c’è, serve continuare a lavorare per crescere in solidità, lasciando il gruppo tranquillo. E se iniziamo a vincere una partita sono convinto che il resto verrà da sé”. 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: