Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Ancona, coach Rajola ''Vincere a Civitanova non è mai facile. Per riuscirci dovremo migliorare alcuni aspetti rispetto a Teramo''

Appena archiviati i due punti contro Teramo la Luciana Mosconi Ancona ora non vuole fermarsi. Prima trasferta del 2021 e nuovo breve viaggio per la truppa di coach Stefano Rajola ospite della Virtus Civitanova nell’hangar del Palarisorgimento (domenica 10 gennaio ore 17.30). Parola d’ordine continuità per i dorici che cercheranno il poker di vittorie stagionali e iniziare cosi la propria striscia positiva. Non sarà ovviamente facile perchè l’avversario è molto agguerrito e specialmente sul proprio campo tradizionalmente non fa mai troppi sconti.

Dopo la vittoria contro Teramo la Luciana Mosconi non si è cullata certo sugli allori. Doppio allenamento giovedi 7, a 24 ore dal terzo successo stagionale, e sedute in campo sia al venerdi pomeriggio che al sabato mattina. Quest’ultima sessione di lavoro svolta al Palascherma vista l’indisponibilità del Palarossini. La nota positiva è che Rajola e il suo staff hanno potuto lavorare con l’intero gruppo a disposizione. Alessandro Potì e Luca Rattalino hanno recuperato dai loro problemi fisici (già contro Teramo entrambi sono scesi in campo pur con un minutaggio al di sotto del loro standard ma dando entrambi un ottimo contributo alla causa) e sono tornati nei ranghi.

Da segnalare che con la squadra bianconeroverde ormai da alcune settimane si sta allenando sotto le vesti di aggregato l’anconetano Mario Mancini, classe ’99 che aveva iniziato la stagione a Matera e poi è rimasto free agent causa la rinuncia al campionato da parte della Società lucana. Il prodotto del vivaio del CAB Stamura è così arrivato a rinforzare il gruppo durante gli allenamenti settimanali così come il baby (classe 2004) Francesco Carboni, altro elemento della cantera stamurina che è già andato a referto in Serie B contro Teramo.

Continuità e migliorare alcuni aspetti. Questi dunque i punti cardine che coach Rajola cercherà nel pomeriggio civitanovese

“Non sembra ma siamo già alla fine del girone di andata di questo anomalo campionato. – dice il tecnico pescarese chiamato a presentare la partita contro la Rossella – Arrivano a questa partita due squadre che vogliono dare continuità ai propri recenti risultati positivi. Civitanova è una squadra che nelle ultime due partite ha fatto a meno di un giocatore molto importante come Andreani segnalato come rientrante. Fisicità e intensità sono le sue armi migliori, ma ci sono anche giocatori di talento del calibro di Milani, Casagrande e Ciccio Amoroso che non hanno certo bisogno di presentazioni. Anche i giovani si stanno facendo valere cosi come Vallasciani, che è il miglior rimbalzista di squadra, e Rocchi che conosciamo purtroppo bene per averci fatto molto male nel match di ritorno dell’ultimo campionato (25 punti con 4/7 da tre lo scorso 29 gennaio con vittoria della Virtus all’overtime e bomba allo scadere proprio di Rocchi che mandò tutti al supplementare). Vincere su quel campo non è mai facile. Per quanto ci riguarda dobbiamo cercare di migliorare alcuni aspetti rispetto a Teramo se vogliamo portare a casa questi due punti.”

Fonte: ufficio stampa Campetto Ancona 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: