Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Real Sebastiani, coach Righetti ''Una vittoria sofferta. Troppo nervosi in avvio, meglio nella ripresa''

La Sebastiani inanella la sesta vittoria consecutiva, battendo a domicilio la Luiss Roma col punteggio di 58-74, al termine di una gara per metà combattuta punto a punto contro un avversario che fino a quando ha avuto la possibilità di restare aggrappata alla partita, ha messo in seria difficoltà la prima della classe. Poi, complici le tante assenze e il talento a disposizione di coach Righetti, la partita ha cambiato volto e nel terzo quarto la Sebastiani ha tracciato il solco decisivo grazie a un Traini in giornata-sì e Drigo che dal cilindro estrae un 4/5 dall’arco. Si torna in campo domenica 17 gennaio: a Valmontone (ore 18) arriverà Salerno per l’ultima del girone d’andata. Queste le dichiarazioni post-gara di coach Alex Righetti.

“Una vittoria sofferta perché la Luiss, nonostante le assenze, ha messo in risalto tutte le sue caratteristiche principali: squadra fisica, intensa che in casa gioca questo tipo di basket. Non è stato semplice, ma sapevamo che avremmo dovuto lavorare di testa e alla lunga siamo riusciti a fare molto meglio, mantenendo le nostre caratteristiche difensive e riconoscendo le loro. Dobbiamo sapere, però, che le partite bisogna giocarle in modo intenso per 40′ ma non è sempre scontato che dobbiamo iniziare avendo tanti punti di vantaggio. La cosa importante, in questi casi, è non perdere la testa e restare sempre dentro la partita. Inizialmente ci siamo innervositi perché abbiamo sbagliato tanti tiri che solitamente vanno a segno, però poi pian piano ci siamo ripresi e siamo riusciti a fare quello che avevamo preparato iniziando a giocare in modo diverso limando quegli errori di concentrazione che inizialmente ci avevano penalizzato”. 

Fonte: ufficio stampa Real Sebastiani Rieti

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: