Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Trento, coach Brienza ''1° tempo non all'altezza delle aspettative. Brutto approccio alla partita''

Una Dolomiti Energia Trentino troppo a corrente alternata cede 83-74 alla Unahotels Reggio Emilia: nel turno di campionato di Serie A UnipolSai numero 17 i bianconeri si devono arrendere alle propri errori non forzati in palle perse e tiri da fuori (5/25 di squadra da tre), Reggio Emilia ringrazia e mette la freccia nel terzo quarto quando produce un 28-18 di break. I due bianconeri più attivi dal punto di vista realizzativo sono JaCorey Williams (20 punti, otto rimbalzi) e Luke Maye (16 e nove): sono loro gli ultimi ad arrendersi in un ultimo quarto in cui Trento prova la disperata rimonta ma non riesce a rimettersi a tiro della Unahotels. Resta a quota 12 punti in classifica la squadra di coach Nicola Brienza, che incappa nella quinta sconfitta consecutiva in Serie A dopo l’ottima prova mostrata mercoledì contro il Lokomotiv Kuban. Le parole di coach Nicola Brienza:

«Il nostro primo tempo non è stato all’altezza delle aspettative sotto il punto di vista dell’attenzione e della voglia di vincere: troppe disattenzioni, troppi errori stupidi non forzati, a rimbalzo, nella gestione dei falli, nelle palle perse. Questo è costato molto per il resto della gara, in cui abbiamo dovuto sempre inseguire: Reggio Emilia ha trovato buone soluzioni d’attacco e tutto per loro a quel punto è stato più semplice. Alla fine abbiamo fatto un tentativo di rimonta, ma troppo tardi: da parte di tutti, allenatori e giocatori, ci vuole consapevolezza che in questo momento in cui le cose non stanno andando bene non possiamo permetterci di presentarci alla palla a due senza avere il giusto approccio mentale e facendo regali ai nostri avversari». 

Fonte: ufficio stampa Aquila Basket Trento

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: