Cantù, coach Bucchi ''È stata una partita molto dura. Abbiamo fatto minuti di qualità ma troppo a sprazzi''

Nella quarta giornata di ritorno del campionato di Serie A UnipolSai 2020-’21, a vincere al Palasport Taliercio di Mestre è la Reyer Venezia. Alla S.Bernardo non basta una partita di grande carattere per espugnare il campo della squadra veneta; 80 a 75 il finale a favore dei padroni di casa. Di seguito il commento in sala stampa di coach Piero Bucchi, capo allenatore di Cantù, che si è così espresso nel post gara:

«È stata una partita veramente molto dura. Abbiamo fatto minuti di qualità, tuttavia ancora troppo a sprazzi. Dobbiamo avere la forza mentale e fisica di creare 40’ di intensità, la stessa intensità avuta stasera quando siamo andati sotto di undici. In quella situazione abbiamo reagito bene, aumentando di colpi in difesa. Dobbiamo riuscire a farlo per tutta la durata della gara però, è un passaggio fondamentale. Comunque qualcosa di meglio si è visto, come 4-5 azioni difensive consecutive in cui siamo stati capaci di non farli segnare. Ciononostante, abbiamo commesso qualche sciocchezza di troppo, quindi occorre dare continuità a fatica e sacrificio. Le cose da fare sono queste».

«La convinzione è che di cose buone ne abbiamo fatte, tuttavia, non è ancora abbastanza. Non ci importa fare solo alcune cose buone, conterà vincere le partite, punto. La strada è quella giusta. Chiudo facendo i miei complimenti a Venezia, incontrata in un buon momento e reduce da una striscia importante di vittorie. Non ci resta che tornare a casa pensando positivo ma più arrabbiati e convinti che mai» ha concluso Bucchi.

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Cantù 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!