Civitanova, coach Mazzalupi ''Siamo stati bravi ma adesso non guardiamo la classifica. Pensiamo ad una gara alla volta''

Volli, fortissimamente volli. Strepitosa vittoria della Rossella Civitanova, che sbanca l’Ubi Banca Sport Center dopo un tempo supplementare piegando la The Supporter Jesi. Partita tutta sul filo dell’equilibrio, con gli aquilotti prima bravi a spegnere il brio e i ritmi alti dei leoncelli e poi glaciali nei momenti cruciali della partita. Una vittoria del gruppo, costruita col contributo di tutti e che consente ai biancoblu di lasciare Teramo solitaria sul fondo della classifica del girone C2. Queste le parole di coach Mazzalupi a fine partita:

«Siamo stati bravi nell’arco dei 45’, soffrendo il meno possibile i loro esterni, in particolare Magrini, anche a costo di rischiare qualcosa in più sotto, in particolare con Quarisa. Anche grazie a queste scelte loro non sono mai davvero entrati in partita, poi alla fine ci abbiamo messo cuore e determinazione: se Lusvarghi resta in campo scavigliato, Andreani ha dovuto sopportare la loro continua pressione pur in condizioni fisiche non ottimali e Felicioni ha giocato una grande partita anche impiegato molto da play è perché questa squadra ha valori che vanno oltre gli aspetti tecnici.

All’intervallo eravamo +2 nonostante i 40 punti fatti e qualche uno contro uno concesso di troppo ci ha fatto la differenza tra questo e l’avere un vantaggio più consistente. Una volta sistemato questo aspetto, anche quando le percentuali si sono sporcate, siamo riusciti a restare dentro la partita. E questo aspetto ha fatto la differenza. Quando poi è uscito Andreani per 5 falli è scattato qualcosa: ci siamo stretti ancora di più e tutti hanno fatto qualcosa in più: Felicioni in cabina di regia, Casagrande dandoci ancora di più, Amoroso firmando i liberi nel momento più delicato. Ora non guardiamo alla classifica, pensiamo partita dopo partita: in questo campionato una vittoria è possibile davvero con tutti». 

Fonte: ufficio stampa Virtus Basket Civitanova

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!