Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Sutor, coach Ciarpella ''Potevamo fare meglio, nel 2° tempo abbiamo subito l'aggressività difensiva di Ancona''

Dopo quattro vittorie consecutive, la Sutor Basket Montegranaro in volata è stata sconfitta per 70-63 dalla Luciana Mosconi Ancona. La squadra di Marco Ciarpella ha giocato bene e solo nel finale si è arresa ad una Luciana Mosconi che ci ha sempre creduto anche quando sembrava difficile farlo. La partita dopo un ottimo primo tempo dei veregrensi è cambiata nella seconda parte quando i biancoverdi hanno iniziato a mettere le mani addosso all’attacco della Sutor, gli arbitri hanno concesso questo “adeguamento difensivo” punendo oltremodo la difesa di gialloblù.

Per essere più chiari, nel terzo quarto dopo 3’ di gioco la Sutor era già in bonus, nel quarto periodo, addirittura sono stati fischiati 3 falli a Minoli e compagni dopo appena 33”. Questo aspetto ha cambiato la sfida con Ancona che si è accomodata in lunetta per ben 24 volte contro le nove dei gialloblù. Sono oltremodo arrivati fischi scientifici con un antisportivo a Bonfiglio, un tecnico alla panchina e altri contatti sanzionati al millimetro quando si stava giocando punto a punto. E’ chiaro che in queste condizioni, è difficile resistere al recupero degli avversari, però la Sutor nonostante tutto ha giocato una grande partita tenendo Ancona a 70 punti.

“Voglio prima di tutto fare i complimenti ad Ancona – ha detto il coach Marco Ciarpella – che ha saputo cambiare le sorti della partita alzando la sua aggressività difensiva. Questo atteggiamento ci ha messo in grande difficoltà. Noi produciamo una pallacanestro molto aggressiva e problemi dei falli fanno parte del nostro gioco, siamo andati molto meglio quando nel primo tempo ci siamo passati di più la palla con ritmo avendo anche la capacità di allungare la difesa. Avevo chiesto ai ragazzi di giocare una partita per non subire più di 70 punti, lo abbiamo fatto, il problema è arrivato in attacco dove abbiamo subito i loro adeguamenti difensivi fermando troppo i cambi e non siamo stati lucidi. Potevamo fare meglio, rimbocchiamoci le maniche e pensiamo alla prossima”.

Fonte: ufficio stampa Sutor Basket Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: