Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pallacanestro Trieste, coach Dalmasson ''Non siamo stati capaci di interpretare la partita nel modo giusto''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/13-02-2021/pallacanestro-trieste-coach-dalmasson-siamo-stati-capaci-interpretare-partita-modo-giusto-600.jpg

Social

Così coach Eugenio Dalmasson commenta il quarto di finale di queste Final Eight, che ha visto la sua Allianz Pallacanestro Trieste uscire sconfitta nella sfida con Brindisi:

"Faccio ovviamente i complimenti a Brindisi che ha vinto meritatamente. Il nostro unico rammarico è di non essere stati capaci di interpretare la partita nel modo giusto, dal punto di vista dell'entusiasmo e della spensieratezza. L'ho detto anche ai miei giocatori questa sera, abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità. Sono occasioni che non capitano spesso e il palcoscenico era importante. Sanno (e so anche io) quello che abbiamo fatto stasera.

L'unico rammarico è dunque la consapevolezza di non aver saputo vivere questa giornata come avremmo dovuto. Sicuramente la partita di oggi ha delle similitudini con quella con Brescia, squadra accomunata a Brindisi dalla fisicità. Abbiamo sentito molto l'assenza di Grazulis in questo, probabilmente il nostro giocatore più fisico. Chiaro che squadre con questa potenza fisica facciamo fatica a contenerle. Non siamo riusciti ad andare in campo interpretando la sfida con un po' più di leggerezza e tutto quello che abbiamo messo in campo ci è costato fatica, senza che riuscissimo a prendere mai in mano le redini della partita. Abbiamo sempre dovuto recuperare e questo ci ha messo decisamente in difficoltà.

Adesso dobbiamo riuscire ad alzare il livello del nostro gioco per confrontarci contro squadre di questa caratura. Tutto questo senza affanno, giocando un basket brillante e piacevole, mantenendo e migliorando le nostre caratteristiche, senza snaturarci. E' un fatto di maturità. Giocare ad alti livelli non è solo questione di capacità, ma anche di saper reggere mentalmente alle pressioni, alla forza dell'avversario che nella seconda parte di stagione sarà ancora più importante. Sarà una lotta dura e noi dovremo adeguarci ad un livello di competitività altissimo soprattutto nella nostra parte di classifica, senza paura né pensando che ci siano scorciatoie". 

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Trieste

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: