Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

VL Pesaro, Matteo Tambone ''La tripla contro Sassari? In quel momento non potevo permettermi nessuno sbaglio''

Intervistato dal Corriere Adriatico Matteo Tambone ha ripercorso l'avventura della VL Pesaro alle Final Eight di Coppa Italia. Queste alcune delle sue parole:

Sull'esperienza della Final Eight di Coppa Italia

"Sono contento per il risultato, che è oltre le aspettative. Dentro di noi sapevamo che avremmo potuto far bene, dopo Sassari eravamo talmente gasati che sapevamo di poter vincere con Brindisi. Milano sta dimostrando che vince di 20 anche in Eurolega, se contro di lei non fai la partita perfetta non vinci. E può non bastare. Il fatto che abbia avuto il giorno libero non conta".

Sulla tripla decisiva nella gara contro Sassari

"Pensavo che non sarei più entrato, ma con il quinto fallo di Filloy il coach è stato quasi obbligato a buttarmi in campo. In quel momento non potevo permettermi nessuno sbaglio, mi hanno passato la palla e ho sfruttato lo spazio per tirare senza esitare. O la va o la spacca, ho pensato, ed è entrata. La foto che gira sui social dove sembro rilassato in panchina in attesa di scoccare il tiro decisivo? La cosa buffa è che era il momento dell'antisportivo su Bilan, ho allargato le braccia nella delusione e le ho messe conserte dietro la testa. Sembrava stessi prendendo il sole!".

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche: