Treviso, coach Menetti ''Abbiamo disputato un'ottima partita conquistando 2 punti molto importanti''

Vittoria della De’ Longhi Treviso Basket sulla Fortitudo Lavoropiù Bologna per 84-78 con una grande prova di squadra. Coach Max Menetti ha parlato della partita dichiarando:

“Sono due punti molto importanti, meritati per quello che è stato l’andamento della partita e perché anche sul -10 abbiamo continuato a macinare gioco. L’aggettivo per la partita di oggi è ‘coraggio’ e lo riassumerei con quello che ha fatto Lorenzo Piccin: quando un giocatore così giovane gioca con quella personalità è innanzitutto merito suo, ma vuole dire anche che si sente sicuro di poter dare il suo contributo e allo stesso tempo protetto dai compagni. È stata una vittoria di squadra nella quale ognuno ha portato il suo piccolo grande mattoncino, da Giovanni Vildera a Russell e Lockett. Oggi abbiamo dato tanto a livello emotivo, ma facendo pure cose tecniche ottime. Adesso il tema principale sarà combattere con la nostra pancia perché, come ho già detto ai ragazzi, se dopo due vittorie iniziamo a sentirci soddisfatti siamo morti. Dovremo combattere contro questo per tutta la settimana per preparare al meglio la gara contro Cremona.

Credo che la fiducia che hanno dimostrato Vildera e Piccin, due esempi del nostro spirito collettivo, sia frutto della responsabilità che hanno dato loro i compagni. Queste sono le cose che fanno le squadre vere e per questo dobbiamo continuare a lavorare in questa linea e sui noi stessi, perché è evidente che facciamo ancora tanti errori. In generale, ottima partita aldilà di chi c’era e chi non c’era. Aradori lo conosco bene, è un giocatore di grande talento e ha fatto canestri difficili, ma sulla sua prima striscia molte colpe sono nostre. Domenica giocheremo con una squadra che proprio dei suoi momenti di striscia fa il cardine del proprio gioco e per questo dovremo limitare gli errori.

I rimbalzi e le palle di nessuno rientrano in quella parte del gioco che non è tecnica, ma fatta di desiderio, determinazione e cuore. A partire da metà del terzo quarto abbiamo preso tutte le palle vaganti e ciò ci ha permesso di vincere. Lavoreremo duro per addirittura migliorare su questo lato del nostro gioco. La chiave di queste due partite è una questione numerica: gli avversari sono stati sotto gli ottanta punti segnati. Inoltre, i ragazzi devono essere consapevoli che in questa squadra c’è spazio per tutti, cosa che ci può far sentire forti come spirito. Abbiamo lavorato tanto su questo soprattutto in un momento di crisi, intesa come vita quotidiana, e su questo dovremo continuare a puntare e migliorare”.

Fonte: ufficio stampa Treviso Basket 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!