L'overtime sorride al Bramante Pesaro nel big march. Pescara Basket costretto al 2° stop consecutivo

Non riesce il colpaccio alla Pescara Basket, che si arrende solamente all’overtime al cospetto della corazzata Bramante Pesaro, che con questa vittoria resta imbattuto e rafforza il primato in graduatoria. Un vero peccato per Capitanelli e compagni, che nei secondi venti minuti hanno provato più volte a mettere le mani sulla partita, venendo però sempre riacciuffati dai padroni di casa, i quali poi nel supplementare, con un parziale iniziale di 7-0, indirizzano verso i propri binari la contesa. Prima parte di gara estremamente equilibrata (22-19 al 10’), con le due squadre che si rispondono colpo su colpo, alternandosi più volte al comando della stessa, con Staselis e Capitanelli su tutti che riescono a fronteggiare le iniziative vincenti di Ferri e Ricci, tanto che si rientra negli spogliatoi per l’intervallo lungo in perfetta parità sul 36-36.

In avvio di ripresa Capitanelli e Staselis sono i principali protagonisti del break di 0-10 grazie al quale i biancazzurri volano sul 36-46 al 23’ minuto, ma il Bramante non si disunisce e con Panzieri e Giampaoli in evidenza riesce a riportarsi sotto, mettendo anche il naso avanti allo scadere della terza frazione sul 49-48. Altro allungo pescarese ad inizio ultimo quarto, con Raupys, Staselis e Grosso che propiziano il parziale di 0-7 per il 49-55 al 32’, prima di un lungo black out offensivo che vedrà i ragazzi di coach Vanoncini restare all’asciutto per ben cinque minuti.

Il Bramante ne approfitta, rispondendo con un 13-0 che sembra decidere i giochi sul 62-55 a poco più di tre giri di lancette dalla conclusione, ma Capitanelli non molla e con il prezioso aiuto di Raupys tiene a galla i suoi, con il lungo lituano che trova il gioco da tre punti per il sorpasso a 29 secondi dalla sirena (62-63), prima del convulso finale: Staselis, a 9 secondi dalla fine, commette il suo quinto fallo ma il pesarese Ferri rimedia un fallo tecnico per proteste con entrambe le squadre in bonus. Capitanelli insacca dalla lunetta per il 62-64, ma dall’altro lato Gnaccarini rimane freddissimo e pareggia i conti sul 64-64 con i biancazzurri che perdono palla nel tentativo di costruire l’ultimo tiro.

Si va quindi al supplementare, dove il Bramante con un 7-0 di parziale si porta sul 71-64 dopo due minuti, indirizzando di fatto la partita e controllando tutti i tentativi di rimonta di Raupys e compagni, i quali comunque non hanno mollato fino alla fine. Si chiude sul 74-70, con il Bramante Pesaro che resta a punteggio pieno con quattro vittorie in altrettante giornate e rafforza il primato in classifica, mantenendo due punti di vantaggio sulla Vigor Matelica, vittoriosa con l’Unibasket Lanciano, mentre i biancazzurri restano a quota quattro e vengono raggiungi al terzo posto dal Pisaurum Pesaro, che ha sconfitto a domicilio il Pescara 1976. Dopo la pausa per le festività di Pasqua Capitanelli e compagni torneranno in campo domenica 11 Aprile per il derby d’Abruzzo sul campo dell’Unibasket Lanciano.

Bramante Pesaro - Pescara Basket 74-70 dts

Pesaro: Bonci 6, Giampaoli 13, Benevelli, Ricci 14, Gnaccarini 5, Mujakovic, Ferri 12, Bertoni 1, Ferrari ne, Ciaroni ne, Pipitone 10, Panzieri 13. All. Nicolini

Pescara: Najafi, Staselis 22, Masciopinto, Pucci 2, Perella ne, Capitanelli 16, Del Sole 4, Fasciocco, Traore ne, Raupys 19, Grosso 7. All. Vanoncini

Parziali: 22-19, 14-17, 13-12, 15-16, 10-6.
Progressivi: 22-19, 36-36, 49-48, 64-64, 74-70.
Usciti per 5 falli: Panzieri (Pesaro); Staselis, Pucci e Grosso (Pescara)
Top Rimbalzi: Pipitone 13 (Pesaro); Raupys 12 (Pescara)
Top Assist: Ricci 3 (Pesaro); Pucci e Grosso 4 (Pescara) 

Fonte: ufficio stampa Pescara Basket

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!