L'Unibasket Lanciano si arrende solo sulla sirena. La Vigor Matelica esulta e porta a casa i 2 punti

Esce con una sconfitta il Lanciano, dalla trasferta in casa della Vigor Matelica, valevole per la quarta giornata di andata del Campionato di Serie C Gold, ma non assolutamente ridimensionato…anzi, i “ragazzi terribili” di coach Di Tommaso tengono bene il campo e giocano con voglia e determinazione sul parquet di una delle grandi favorite del girone, ed i padroni di casa dopo una prima frazione che li vede chiudere in ritardo di un punto (13-14) ed un primo tempo che va in archivio in perfetta parità, devono sudare le proverbiali “sette camicie” per venire a capo di una truppa frentana che trascinata da un incontenibile Muffa e dall’esperienza di Giando Ucci si rende protagonisti di un ultimo quarto non adatto ai deboli di cuore riaprendo con folle lucidità una partita che sul + 14 matelicese sembrava ormai già in archivio. E’ vero, alla fine la differenza la fanno i punti non le prestazioni, ma oggi il Lanciano ha dimostrato di avere ampissimi margini di crescita e di potersela giocare alla pari e senza complessi d’inferiorità con tutte le avversarie del torneo.

Questa la cronaca del match:

Coach Di Tommaso vara il quintetto base tipo con Ucci e Dabangdata in regia, Dabetic e Ranitovic esterni con Nikola Munjic a battagliare sotto le plance. La Vigor si presenta invece con Di Simone, Monacelli, Caroli, Markus ed Alunderis. L’Unibasket parte bene con Munjic che sfrutta un gioca da tre (canestro+fallo) per mettere a segno i primi punti della gara. Matelica si rifà subito sotto e con Monacelli ed Alunderis trova il primo vantaggio: il Lanciano però è in palla e grazie ad una efficace difesa a zona chiude il primo quarto avanti di una lunghezza (13-14). La gara è vibrante ed all’insegna dell’equilibrio e nonostante gli uomini di coach Cecchini trovino il primo consistente allungo (29-22), i giovani rossoneri non si scompongono e grazie a grande disciplina ed acume tattico riescono a chiudere sul 31 pari il primo tempo.

La penultima frazione di gara si apre con il nuovo vantaggio marchigiano grazie a Markus ma capitan Ranitovic e lo scatenato Muffa mantengono il Lanciano sempre ad un tiro da schioppo dai padroni di casa: Munjic riconquista un prezioso possesso ma sul ribaltamento di fronte Dabetic fallisce la tripla del possibile controsorpasso. Di Simone sospinge è invece più preciso portando nuovamente la Vigor sul + 4. Dabetic prima e Muffa poi pareggiano i conti. Nuovamente Di Simone infiamma la retina rossonera e successivamente la coppia Caroli-Markus piazza la nuova zampata per i biancorossi di casa (45-40). I ragazzi di Di Tommaso non stanno di certo a guardare e con una bomba di Dabetic (ormai sempre più tra le rivelazioni del torneo) si riportano ad un possesso di distacco (43-45): il neo entrato Kadjividi si divora la facile schiacciata che sarebbe valsa il pareggio permettendo all’ottimo Di Simone ed a Markus di tenere Matelica sempre avanti di sei lunghezze (49-43).

Quello che accade nell’ultima frazione di gara è da raccontare tutto d’un fiato: ancora Di Simone dall’arco porta i suoi sul + 9 con Monacelli che trasforma poi i liberi derivati dal fallo di Munjic (55-44). I rossoneri sembrano faticare e complici le percentuali bassissime dalla lunetta, si ritrovano sul – 14 (61-47) con la Vigor che sospinta dai punti di Caroli ed Alunderis sembra ormai aver in pugno la partita: ma quando la gara sembra ormai scivolata via il Lanciano trascinato da un super Muffa e dai canestri pesanti del veterano Ucci tira fuori gli attributi ricucendo con pazienza il distacco punto dopo punto e riportandosi fino al – 3 (63-60) a meno di due minuti dalla sirena: da ricordare sono il canestro del – 5 arrivato dopo un recupero, una ripartenza in velocità ed una bomba di Muffa ed il – 3 di Ucci che rimettono paura e tanta pressione sulle spalle di una Vigor che, pensando troppo presto di aver fatto sua la gara, si ritrova adesso a doversi letterelalmente sudare ogni possesso.

Il mega break frentano di 2 a 13 non ha però il meraviglioso “happy ending” che forse avrebbe meritato con i padroni di casa che grazie agli ultimi punti del giovane Di Grisostomo vengono a capo di una partita dura e mai banale. Capitan Ranitovic e compagni ora avranno tempo di recuperare le forze per tornare poi in campo sul parquet di casa nella gara prevista domenica 11 aprile contro l’altra corazzata del girone, il Pescara Basket di coach Vanoncini. La grande reazione di oggi dimostra che la truppa rossonera è coesa ed ha tanta fame di vittoria…mai paura ragazzi!

Vigor Matelica - Unibasket Lanciano 67-62

Matelica: Di Simone 15, Monacelli 10, Caroli 12, Alunderis 6, Markus 8, Di Grisostomo 9, Vissani 5, Ciampaglia 2, Poeta ne, Strappaveccia ne, Fianchini ne. All. Cecchini

Lanciano: Ranitovic 11, Maralossou 5, Morina, Bantsevich ne, Ucci 10, Munjic 10, Dabetic 7, Muffa 17, Montanari 2, Kadjividi, D'Ippolito ne. All. Di Tommaso

Parziali: 13-14, 18-17, 18-12, 18-19.
Progressivi: 13-14, 31-31, 49-43, 67-62.
Usciti per 5 falli: nessuno

Simone Cortese - ufficio stampa Unibasket Lanciano
Photo Credits: Martina Lippera - Vigor Basket Matelica

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!