Trento, coach Molin ''Riconosco il grande sforzo e la volontà di lottare dei miei ragazzi, ma i numeri non mentono''

La Dolomiti Energia Trentino non riesce a tenere il ritmo dello scatenato attacco di Sassari ed esce sconfitta 94-76 dal Banco di Sardegna: nel recupero della 22esima giornata di campionato i bianconeri non riescono a limitare le bocche da fuoco dei sardi e finiscono per capitolare sotto i colpi di Bendzius (28 punti con 6/6 da tre) e compagni. Non bastano i 19 punti di Jeremy Morgan e i 15 di Victor Sanders, gli ultimi a mollare in una squadra che pur andando sotto anche di 18 nel terzo quarto torna in partita con grande volontà e carattere: negli ultimi 10’ la solidità, l’esperienza e il talento di una “big” come la Dinamo sono venuti a galla costringendo Trento alla sconfitta numero 15 della propria regular season che la fa rimanere ai margini della zona playoff a due partite dalla fine della stagione regolare.

Le parole di coach Lele Molin: "Attribuisco a Sassari grandi meriti per essersi presa questa vittoria, al termine di un match giocato davvero molto bene dai nostri avversari: in un paio di occasioni noi siamo stati bravi a cogliere l’occasione e riavvicinarci nel punteggio, la squadra ci ha provato ma alla fine ha prevalso la differenza di esperienza e talento a favore della Dinamo. Riconosco il grande sforzo e la volontà di lottare dei miei ragazzi, ma i numeri non mentono: penso all’ampio scarto tra le due squadre in valutazione, o alle migliori percentuali al tiro dei nostri avversari. Non siamo riusciti a metterli in difficoltà con abbastanza continuità all’interno dei 40’". 

Fonte: ufficio stampa Aquila Basket Trento

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!