Sutor, coach Ciarpella ''La prossima sfida contro la Guerriero Padova decisiva per la salvezza diretta''

Non è bastata una buona Sutor Basket per tornare a casa con una vittoria. I gialloblù sono stati sconfitti da San Vendemiano che si è dimostrata la squadra più in forma del campionato. I veregrensi sono rimasti in partita per tutto il primo tempo poi, complice anche la fisicità e con essa il cambio di ritmo in difesa degli avversari, i calzaturieri non sono stati più in grado di reggere l’urto. Però, la Sutor è stata brava a non sprofondare, sotto di 19 punti nell’ultimo periodo, è stata brava a tornare fino al meno otto senza però poi riuscire a rimettersi in scia. La squadra di Marco Ciarpella ha vinto il duello a rimbalzo ribaltandolo visto che alla fine del primo tempo aveva raccattato meno palloni sotto i tabelloni. Non ha tirato male da due punti ma, dall’arco dei 6,75 non ha trovato quei canestri che potevano farla restare sempre in partita.

Coach Marco Ciarpella, che gara è stata quella contro San Vendemiano?
“Nei primi venti minuti siamo stati molto bravi ad attaccare i loro adeguamenti difensivi e ad andare con costanza nel pitturato sia da situazioni di Pick And Roll, sia negli uno contro uno. Da li ci siamo creati enormi vantaggi facendo oltremodo circolare bene la palla attaccando con grande equilibrio. Poi, alla fine del secondo quarto, siamo andati un po' in confusione, loro hanno alzato la loro aggressività e questa cosa i ha messo in difficoltà perché abbiamo fermato la palla. In quel momento sono entrati in partita i loro tiratori Rossetto e Verri che hanno segnato canestri importanti. Nel terzo periodo la loro aggressività è ancora salita, noi non siamo stati pronti a rispondere facendo veramente fatica e subendo 27 punti, dove sapevamo che potevano farlo. Dispiace per come è finita perché abbiamo giocato una buona partita per larghi tratti, se non fosse stato per quel terzo quarto, saremmo stati in grado di giocarcela fino alla fine alla pari”.

Cosa ha significato il fatto che dopo essere sprofondati a meno 19 vi siete rimessi in partita?
“Che la squadra è ancora viva e anche in situazioni difficili non molla mai. Ha dimostrato altresì che vuole conquistare con le unghie e con i denti il risultato che si era prefissato ad inizio stagione. Dopo questa sconfitta arrivare alla salvezza diretta è un’utopia però, la squadra ancora una volta ha dimostrato tanto carattere. Ho detto ai ragazzi a fine partita di rimanere uniti e di essere più duri perché nessuno ci regalerà niente”.

Vincere con la Guerriero Padova domenica sarà importante per conquistare un posto migliore nei playout?
“La sfida di domenica prossima sarà quella che deciderà la salvezza diretta e sarà importante per entrambe le squadre. Mi aspetto un match molto difficile che però noi dobbiamo affrontare con grande piglio per dimostrare che siamo un’ottima squadra. Abbiamo un paio di giorni per recuperare e per preparare la meglio la gara con la Guerriero Padova e con grande fiducia proveremo a portare a casa la vittoria che ci consentirebbe di evitare l’ultimo posto e una graduatoria migliore nella griglia playout”.

Fonte: ufficio stampa Sutor Basket Montegranaro

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!