Robur Osimo, la seconda vittoria stagionale arriva dopo un tempo supplementare

Vincere per cancellare la brutta prestazione della settimana scorsa, vincere per tornar in palestra ancora più motivati e concentrati; questi erano gli obiettivi della Si Con Te Superstore alla viglia di una sfida non facile come quella con la formazione rivierasca di coach Alfredo Minora. Aggressività e prestanza fisica, elementi che ad oggi causa ritardo di condizione, mancano agli osimani sono stati ingredienti essenziali per gli ospiti che hanno realmente impensierito coach Castracani e soci, trascinando la sfida all’overtime. Partita molto contratta in cui le difese o gli errori hanno avuto più volte la meglio sugli attacchi, prestazione al tiro deficitarie per ambo le squadre sia dalla lunga che sotto canestro , con molte lotte sotto le plance per accaparrarsi le seconde palle. Osimo parte contratta, sembra manca il piglio che di solito si intravede quando le partite si disputano tra le mura amiche del Palabellini.

Il leit-motiv della sfida rimane pressoché sempre il medesimo, con le due squadra a contendersi punto dopo punto, pochi strappi, equilibrio sostanziale che si trascina per tutto l’arco del match. Qualche parziale per gli ospiti soprattutto ad inizio terzo quarto, complice sopratutto di qualche svista dei padroni di casa, non sicuramente alla migliore partita in termini di produzione offensiva di gioco e di realizzazione. Nel quarto quarto Osimo sembra poter avere la meglio, complice uno strappo causato dal giovane talento roburino Piccinini che mette piede in campo all’inizio della quarta frazione di gioco e in 3 minuti piazza una bimba ed una canestro molto difficile che portano avanti gli osimani senza testa-testa, prima che il coach ospite sia costretto a chiedere la sospensione per riassettare le idee. Dopo il mini parziale si inceppa qualcosa per gli uomini di coach Castracani che ledono due palloni sanguinosi in attacco che permettono agli ospiti di impattare, con una bimba di un ispirato Di Fonzo, sul 59 pari e di trascinare la sfida all’overtime.

Le forze sempre più ridotte al lumicino nei 5 minuti aggiunti ma negli uomini di coach Castracani aumenta la voglia di tornare a vincere e complice, molto probabilmente, un roster più lungo abilmente ricordato dal coach osimano( tutti gli uomini schierati e a punti oggi), la Robur piazza la zampata decisiva complivi due bombe allo scadere dei 24 di Graciotti. Il supplementare si chiude 14-7 mentre al 46’ il risultato recita Robur Osimo 73 Sambenedettese Basket 66. Ancora una volta le legge del Palabellini non è stata smentita; ultima sconfitta in un incontro ufficiale per gli osimani nella propria casa che pensate risale ad Aprile 2019, un’infinità di tempo trascorso a suon di vittorie e grandi gioie che il nostro Palasport ci ha permesso di vivere. La Robur torna a correre, sale a quota 4 in classifica, salendo al 2º posto in coabitazione con altre squadre. Prossimo appuntamento Domenica ore 18 a Vasto, una trasferta sicuramente lunga ed impegnativa, in cui gli osimani si faranno trovare pronti. (Fonte: ufficio stampa Robur Osimo)

Robur Osimo - Sambenedettese Basket 73-66

Osimo: Zoppi 5, Bini 17, Cardellini 8, David 2, Redolf 13, Graciotti 7, Pierucci 2, Carancini 4, Piccinini 5, Bartolucci 4, Baldoni 6. All. Castracani

Sambenedettese: Quinzi 10, Vannucci ne, Acciarri 3, Di Fonzo 14, Castorino, Lucidi 3, Ortu, Quercia 13, Scarpetti 3, Listwon 20, Roncarolo. All. Minora

Parziali: 14-15, 18-16, 13-17, 14-11, 14-7.
Progressivi: 14-15, 32-31, 45-48, 59-59, 73-66.
Usciti per 5 falli: Listwon e Di Fonzo (Sambenedettese)

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!