Anticipo, i Roseto Sharks risalgono da -25 e passano sul campo del Pescara Basket

Gara surreale quella andata in scena al Pala Aterno Gas & Power, dove i ragazzi di coach Di Nicola escono sconfitti al cospetto del Roseto Sharks, vanificando un avvio stratosferico, nel quale hanno toccato anche i 25 punti di vantaggio, completamente dilapidati nel corso della partita fino al crollo nel finale. Infatti ad inizio gara i biancazzurri trovano la via del canestro con estrema facilità, grazie ad azioni d’attacco fluide ed efficaci e finalizzate a dovere da Perella, Najafi e Mijatovic. Gli Sharks sembrano totalmente in balia degli avversari, tanto che a fine primo periodo il tabellone luminoso recita un eloquente 32-8.

Ma, come purtroppo troppo spesso già accaduto nel corso di questa stagione, i giovani biancazzurri sono vittima ancora una volta di un lungo black out offensivo, che li porta a realizzare appena sei punti nella seconda frazione, mentre uno stratosferico Gaeta prende per mano i suoi, consentendo di dimezzare lo svantaggio all’intervallo lungo sul 38-25.
In avvio di ripresa la musica non cambia, con Di Giovanni e compagni che non riescono più a trovare canestri facili, mentre dall’altro lato è sempre il solito Gaeta ad essere protagonista, ottimamente supportato da Palermo, e gara totalmente riaperta al trentesimo minuto sul 50-48. Una tripla di Jovanoviks apre l’ultima frazione e regala il primo vantaggio ai suoi, mentre i ragazzi di coach Di Nicola proseguono nelle loro difficoltà e sprofondano sotto i colpi di Gaeta, Maule e Cantarini, le cui triple scavano il solco decisivo fino ad un severo 61-77 finale.

Pescara Basket - Roseto Sharks 61-77 (32-8; 38-25; 50-48)

Pescara
: Bravetti, Del Principe 5, Di Giovanni, Perella 14, Testa, Mijatovic 12, Seye 6, Najafi 21, Traorè 3. Coach: Di Nicola.

Roseto
: Llukacej 3, Jovanoviks 12, Valentini F. 2, Gaeta 30, Maule 10, Palermo 8, Cavatassi, Di Leonardo 5, Mariani 2, Cantarini 3, Trettaccone 2. Coach: Di Gianvittorio.

Fonte: ufficio stampa Pescara Basket 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!