Olimpia Milano, coach Messina ''E' stata una partita mediocre. La Virtus ha meritato di vincere''

Così Coach Ettore Messina ha commentato Gara 1 della finale scudetto: “Temevo una partita come questa a Venezia, di ritorno da Colonia, invece lì abbiamo trovato energia e coesione e siamo andati bene, mentre stasera la nostra è stata una prova mediocre. Loro hanno vinto con merito. Nonostante questo l’avevamo riaperta tornando a meno due. In quel momento, il canestro da lontanissimo di Markovic ci ha tagliato le gambe. Loro sono stati più intensi, hanno mosso meglio la palla, noi siamo stati mediocri, non trovo aggettivi diversi. La difesa è stata inguardabile per almeno trenta minuti, in attacco abbiamo giocato individualmente, senza mai creare un vantaggio per un compagno. Le poche volte che lo abbiamo fatto abbiamo anche sbagliato dei tiri aperti. Quindi hanno meritato loro di vincere e non c’è nient’altro da dire”.

Sui motivi che hanno determinato una partita sottono: “Quando torni da una Final Four dove spendi una montagna di energie mentali e fisiche, dai per scontate tante cose, e c’è sempre un rimbalzo negativo. C’è stato anche un po’ di nervosismo, ma succede quando ti accorgi che le cose non le fai come vorresti e allora ti innervosisci. La condizione fisica, tre giorni fa a Venezia, era stata eccellente, quindi non credo dipenda da quello. Penso sia stato un fatto mentale”.

Sulle prospettive di Gara 2: “In una giornata in cui tutte le voci sono state negative, possiamo ovviamente migliorare su tutto, ora si tratta di farlo. Credo che sia stata una stagione fin qui eccellente, in cui stasera abbiamo giocato una partita mediocre. Lunedì proveremo a farne una migliore, vediamo di riuscirci, non mi pare sia il momento di fare processi a questo o quello. Fortunatamente, è una serie che potrebbe essere lunga, poi è chiaro che se dovessimo giocare sempre così allora sarà diverso. Ma adesso cerchiamo di fare meglio”.

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano 

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!