Vigor Matelica, coach Cecchini ''Nel finale le rotazioni corte si sono fatte sentire. Siamo un pò in ritardo per gli infortuni''

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/27-09-2021/vigor-matelica-coach-cecchini-finale-rotazioni-corte-sono-fatte-sentire-siamo-ritardo-infortuni-600.png

Social

Buona la prima. Suda le proverbiali sette camicie una Halley Matelica menomata (ancora out Vissani e Caroli) sul campo del Porto Sant’Elpidio Basket, ma porta a casa la prima vittoria nel girone B della Coppa Italia Serie C Gold Marche-Umbria. Queste le parole di coach Cecchini a fine partita:

«Nel finale le rotazioni corte si sono fatte sentire, unite a un miglioramento delle percentuali di Porto Sant’Elpidio. E in partite così, quando la situazione si fa calda, avere esterni freschi fa comodo. Tosti praticamente non lo abbiamo potuto mai togliere, viste le indisponibilità contemporanee di Vissani, Caroli e Strappaveccia, per cui ci sono mancate un po’ di energie fresche da mettere in campo. E contro gente come Boffini e Morresi questo si paga. Le prestazioni di Tosti e Genjac? Jack finora è una bella sorpresa. Va un po’ disciplinato, ma ha voglia di imparare: per la sua crescita dovrà imparare ad alternare lo stile di gioco umbro, più “selvaggio”, a quello marchigiano, più ragionato.

Haris è una garanzia, anche a livello professionale e caratteriale: dovrà imparare ad alternare la parte di gioco legata alla tecnica a quella del gioco più ruvido, perché in C Gold è importante e parecchio. Per noi finora è stata una prestagione abbastanza tribolata, ci eravamo tarati su un programma di lavoro spalmato sui 50 giorni per dare modo ai ragazzi che erano fermi da un anno di ritornare gradualmente in forma e questo ci ha portato soprattutto all’inizio a curare molto i dettagli. Un percorso che doveva portarci a una crescita graduale in questa fase, ma gli infortuni ci hanno costretto a rallentare significativamente, visto che spesso non riusciamo nemmeno ad allenarci in 10».  

Fonte: ufficio stampa Vigor Basket Matelica

 

© Riproduzione riservata

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!