Amatori Pescara, coach Castorina ''Importante gestire l'aspetto emotivo e mettere in pratica ciò su cui abbiamo lavorato''

Il conto alla rovescia è finito, ecco il campionato. Per l'Amatori Pescara 1976 il primo ostacolo, da affrontare sul parquet amico, si chiama Campli. Coach Renato Castorina, che conosce benissimo quella realtà, presenta così il match:

"Finalmente si comincia e non sembra vero dopo le ultime due stagioni che definire "particolari" è un eufemismo. Il primo pensiero è quello di speranza ed auspicio che tutto possa svolgersi in condizioni di normalità. La partita contro Campli riserva delle incognite come tutte le partite di inizio campionato. Sarà importante gestire inizialmente l'aspetto emotivo, considerato che si torna a giocare con il pubblico in presenza, e dal punto di vista tecnico/tattico mettere in pratica ciò su cui abbiamo lavorato nel precampionato andando oltre gli errori che saranno quasi "fisiologici" considerando che si tratta della prima gara di campionato.

Parlare di Campli non è semplicissimo per me in quanto si tratta della città in cui vivo e che mi ha accolto prima da giocatore, e poi ha rappresentato una parte indimenticabile della mia carriera da coach. Campli è una ne promossa ed è una squadra che fa dell'entusiasmo la dote maggiore, schierando però anche giocatori di interesse assoluto per il campionato come Sabeckis, Padovano, e Scortica, ed ha aggiunto in settimana lo straniero Unechenskyi con passata esperienza nella C Silver siciliana nello spot di ala forte/centro. Sarà fondamentale l'approccio iniziale soprattutto nella metà campo difensiva cercando di limitare i loro punti di forza, e giocare ai nostri ritmi in attacco senza frenesia. Spero ovviamente di vedere tanti tifosi sugli spalti pronti a sostenerci".

Fonte: ufficio stampa Amatori Pescara 

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!