L'Attila Basket Porto Recanati pronta a ripartire. La carica di coach Scalabroni, Jacopo Minossi e Filippo Ampomah

Si appresta a ricominciare, dopo oltre un mese di stop dovuto alla pausa natalizia e al fermo forzato dall’aggravarsi della situazione pandemica nella regione, il campionato di Serie C Silver e l’Attila Junior Basket è pronta a dare il tutto per tutto in questo tour-de-force che racchiude le ultime quattro giornate della stagione regolare e la fase finale della Coppa del Centenario. Il primo appuntamento sarà la trasferta al PalaBasket di Ascoli Piceno sabato 29 gennaio alle ore 18:30, sulla carta la quattordicesima ed ultima giornata di campionato, ma "de facto" l’undicesima a causa degli slittamenti delle sfide con Recanati, Gualdo e Fratta (originariamente programmati rispettivamente per il 9, il 16 ed il 22 gennaio).

"Sicuramente questo stop vuol dire tanto per una squadra come la nostra che aveva trovato un suo equilibrio e il fatto di aver avuto qualche atleta positivo e quindi difficoltà nell’allenarsi cambia un po’ le carte in tavola - riferisce l’head coach Nicola Scalabroni ai nostri microfoni nel corso della conferenza stampa, che conclude dicendo - ma noi sappiamo di avere degli obiettivi chiari e ci alleniamo tutti i giorni al meglio e al massimo per ripartire nel migliore dei modi, sappiamo che per noi questa fase finale è un nuovo mini campionato e dobbiamo arrivare primi anche in queste quattro partite".

Il match di sabato 29 rappresenta in casa Attila, anche l’esordio del neo-acquisto Filippo Ampomah, atleta classe 1993 originario di Brescia, che vanta esperienze importanti in campionati esteri fra la Spagna e la Germania e reduce da un’ottima prima parte di stagione con la maglia del Cuxhaven Baskets in Regionalliga Nord, nel campionato tedesco.


"Il voler raggiungere i nostri obiettivi in campionato ed in coppa ci ha portati alla ricerca di un giocatore che potesse darci versatilità, fisicità e capacità di giocare in funzione della squadra e Filippo ha queste qualità" commenta coach Scalabroni.

"Il progetto Attila è un progetto molto bello ed ambizioso e sono felice di farne parte - così esordisce invece, il neo-ingaggio arancioblù che ci tiene fin da subito a precisare i suoi obiettivi ed il contributo che intende portare alla squadra - A me piace giocare in difesa, prendere rimbalzi, correre e queste sono le qualità che vorrei portare in campo e la mia ambizione è quella di vincere. Questo è un progetto che punta a vincere, quindi questo è il mio obiettivo, come per il resto della squadra".

Anche il team manager Jacopo Minossi si è espresso riguardo la mossa di mercato aggiungendo che "l’acquisto di Filippo Ampomah è dimostrazione che la società è attenta e ha un’ambizione reale a voler fare bene, cercando di mettere l’allenatore nella posizione migliore per poter affrontare gli impegni di campionato e di coppa". Il dirigente ci tiene poi, a voler mandare un messaggio ai tifosi arancioblù e alla città: "Il 2022 vogliamo che sia un anno importante, dove coinvolgere quanti più ragazzi di Porto Recanati all’interno della società ed in iniziative come ad esempio, il 2° Memorial Attila Pierini che si terra' a Giugno. Il sogno di Attilio era quello di poter chiudere la propria carriera sportiva qui dove tutto era iniziato e mettersi a disposizione della propria città per creare un progetto sportivo concreto e lungimirante nella sua Porto Recanati, che in questi mesi ha dimostrato di essere affamata e pronta a respirare del basket consono alle sue tradizioni". 

Fonte: Riccardo Corvatta – ufficio stampa Attila Junior Basket 

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!