Eurocup, la Reyer Venezia domina la sfida contro il Promitheas

https://www.basketmarche.it/immagini_articoli/30-03-2022/eurocup-reyer-venezia-domina-sfida-promitheas-600.jpg

Social

L’Umana Reyer fa il suo dovere nell’ultima gara interna della fase a gironi, battendo senza patemi (81-57 il finale) il già eliminato Promitheas Patrasso, ma servirà comunque un’impresa nell’ultima giornata sul campo della capolista Gran Canaria per migliorare l’attuale settimo posto nel gruppo B di 7Days Eurocup.

Insieme all’infortunato Vitali, resta fuori anche Mazzola, con lo starting five orogranata che vede sul parquet Theodore, Tonut, Bramos, Brooks e Watt. Sembra partire meglio Patrasso (0-3 e 2-5), ma l’Umana Reyer risponde prima con Brooks e poi, oltre che con Tonut, costruisce il primo break di 8-0 sull’asse Theodore-Watt, con il doppiaggio degli avversari sul 10-5. La differenza di motivazioni e di energia si fa quindi sempre più marcata. A metà quarto è 16-7, con Theodore e Watt sempre sugli scudi, e al 7′ c’è il primo vantaggio in doppia cifra (21-9), sulla tripla di Tonut. A questo punto coach De Raffaele può iniziare anche le rotazioni, con un buon impatto di Echodas, che firma il 25-9 al 9′, poi il quarto si chiude sul 25-11.

Le cose non cambiano nel secondo periodo. Il primo +20 (31-11) è firmato da Stone al 12′, con Echodas che arrotonda al 13′ sul 33-11, anche se poi il centro lituano arriva al terzo fallo personale ancor prima di metà quarto dopo la schiacciata del 35-11. Anche a causa di qualche palla persa di troppo dagli orogranata, Patrasso prova a limare, ma si ferma sul 35-18 al 15’30”: bastano una tripla di Stone e un canestro di Morgan per ristabilire le distanze sul 40-18 al 16’30”, poi c’è spazio anche per il rientro in campo di Cerella. L’ulteriore fiammata arriva da Sanders, che trascina gli orogranata sul 47-23 al 18’30”, con Agravanis ultimo ad arrendersi tra i greci, permettendo agli ospiti di tornare negli spogliatoi sul 49-28.

Che la partita sia già virtualmente chiusa, oltre al linguaggio del corpo dei giocatori, lo confermano le tre triple (due di Tonut e una di Bramos) con cui l’Umana Reyer inizia il secondo tempo, costringendo la panchina greca al time out al 22′ sul 58-28. Ma Bramos e Tonut non si fermano e, con altre due triple, al 23′ è 64-29. Che per Patrasso non sia serata lo conferma anche la scavigliata di Hunt al 23’30”, con Watt che poi schiaccia, inserendosi nella difesa greca immobile, il 66-30 al 24′. Il solito Agravanis conferma di essere l’unico veramente positivo, protagonista nel minibreak di 0-8 per il 66-38 al 26′.

L’Umana Reyer, che ha intanto iniziato a inserire i giocatori in panchina, interrompe il parziale con un libero di Brooks, con un generalizzato calo realizzativo nel finale di quarto, in cui le squadre si presentano soprattutto in lunetta e coach De Raffaele chiama time out al 29′ sul 67-42 per evitare che la squadra si accontenti troppo presto, anche se si arriva all’ultimo intervallo sul 67-47. Gli orogranata tornano a muovere il punteggio con Daye (69-47) in avvio di un quarto quarto in cui il cronometro corre verso il 40′ senza grandi sussulti. Per la cronaca, al 33’30” è di nuovo +26 (74-48) grazie a Morgan e Sanders; a metà quarto arriva un tecnico alla panchina orogranata ed è 74-52; con l’and one di Morgan, il canestro di Daye e i liberi di Echodas è 81-52 al 38′, poi finisce 81-57.

Umana Reyer: Stone 5, Bramos 6, Tonut 16, Daye 6, De Nicolao, Sanders 12, Echodas 8, Morgan 7, Brooks 3, Theodore 7, Cerella, Watt. All. De Raffaele.

Promitheas: Grant ne, Gaddy 3, Hunt 2, Agravanis 22, Rogkavopoulos ne, Simpson 9, Lagios 1, Andric 3, Vasileiou 2, Fasasi 2, Bazinas 6, Tanoulis 7. All. Zouros.

Parziali: 25-11; 49-28; 67-47.

Fonte: ufficio stampa Reyer Venezia 

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!