L'Aurora Jesi festeggia la salvezza. La Virtus Civitanova costretta agli spareggi

Non è ancora finita. La Virtus Civitanova cede anche in gara 4 e perde la serie di playout contro la General Contractor Jesi per 1-3. Ma se per i leoncelli questo significa salvezza, per gli aquilotti la strada verso la salvezza, seppur molto irta, è ancora aperta: il ko di Montegranaro contro Cesena, infatti, spedisce i gialloblu in Serie C Gold a causa del peggior piazzamento durante la regular season e manda la Virtus agli spareggi-salvezza (in programma nel weekend del 4-5 giugno) con le rappresentanti degli altri tre gironi: in palio, in una sorta di Final Four con semifinali e finale in gara secca, c’è ancora una salvezza.

Che sia una serata importante lo si capisce dalla tensione con la quale le due squadre approcciano il match. Gay scioglie il ghiaccio dalla lunetta per l’Aurora, si scatena Costa sul fronte civitanovese (10 sei primi 16 punti virtussini portano la sua firma), ma la difesa della squadra di coach Schiavi è svagata, lascia troppi spazi nel pitturato e gli ospiti ringraziano. Rocchi brucia la difesa a suon di penetrazioni alimenta la prima fuga della General Contractor, che sulla tripla di Rizzitiello è già scappata a +9 (12-21 all’8’). A inizio secondo quarto Civitanova rischia il tracollo come in gara 1 e gara 3: Jesi tocca più volte il +14 sfruttando con sagacia le falle della difesa di Civitanova, che però ha il merito di non mollare la presa: il -9 firmato da Felicioni a metà gara non è poi così male (32-41).

La musica cambia totalmente a inizio terzo quarto. Coach Francioni rischia il claudicante Gloria per preservare dai falli Cocco e Rizzitiello, ma Vallasciani è un leone, colpisce da fuori, colpisce da sotto, è ovunque sulle due metà campo e a Jesi, che pure apre il quarto con tre triple della coppia Gay-Rocchi, d’improvviso viene il braccino. La Virtus rosicchia punto su punto, spreca pure qualche occasione di troppo, ma corona la sua rincorsa con due liberi di Vallasciani che valgono il pareggio a quota 60 all’ingresso nell’ultimo minuto del terzo periodo. È Rocchi, da buon ex dell’incontro, a ricacciare in gola le urla virtussine: una sua tripla da fantascienza tiene l’Aurora avanti a fine terzo periodo (60-63), poi ritorna Gay e la General Contractor mette le ali su un parziale di 2-14 (62-74 a 5’ dalla sirena). L’orgoglio di Musci riporta per un attimo la Virtus sotto la doppia cifra di svantaggio (68-76 con 3’ da giocare), ma i buoi sono scappati: Jesi va al mare, ma c’è ancora vita sul pianeta Civitanova. (Fonte: ufficio stampa Virtus Basket Civitanova)

Virtus Basket Civitanova Marche - General Contractor Jesi 68-79 (16-25, 16-16, 28-22, 8-16)

Virtus Basket Civitanova Marche
: Emanuele Musci 16 (7/11, 0/0), Marco Vallasciani 16 (3/7, 2/2), Valerio Costa 14 (4/8, 2/7), Gianmarco Gulini 9 (1/1, 1/3), Nicholas Dessi' 5 (0/3, 1/3), Matteo Felicioni 3 (0/1, 1/6), Gianpaolo Riccio 3 (1/3, 0/2), Andrea Pedicone 2 (0/0, 0/1), Nicola Rosettani 0 (0/0, 0/0), Flavio Seri 0 (0/0, 0/0), Giulio Abbate 0 (0/0, 0/0), Giorgio Montanari 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 21 - Rimbalzi: 31 9 + 22 (Marco Vallasciani 7) - Assist: 18 (Valerio Costa 6)

General Contractor Jesi
: Simone Rocchi 22 (5/9, 3/5), Flavio Gay 20 (3/4, 4/12), Massimiliano Ferraro 11 (1/2, 3/6), Nelson Rizzitiello 7 (2/4, 1/3), Mattia Magrini 6 (0/0, 1/1), Mirko Gloria 6 (3/4, 0/0), Daniele Cocco 5 (2/2, 0/0), Antonio Valentini 2 (1/3, 0/1), Rezart Memed 0 (0/0, 0/0), Giacomo Moretti 0 (0/0, 0/0), Francesco Giulietti 0 (0/0, 0/0), Alex Ginesi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 13 - Rimbalzi: 31 4 + 27 (Massimiliano Ferraro 7) - Assist: 20 (Flavio Gay 6) 

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!