x




New Basket Brindisi, Fernando Marino ''Mi è piaciuta la risposta della squadra. La vittoria con Venezia vale doppio''

Il presidente dell’Happy Casa Brindisi, Fernando Marino, ha parlato dell’importante successo contro l’Umana Reyer Venezia su “La Gazzetta di Brindisi” ad Angelo Sconosciuto: “Si ritorna a sorridere nel senso che le vittorie aiutano sempre e questa però ha un valore doppio, per due motivi ben precisi. Il primo: la forza della squadra avversaria. Venezia è il terzo budget più importante della serie A; è squadra forte con ambizioni diverse dalle nostre ed era fresca di un'importante vittoria in Eurocup contro Brescia. La seconda soddisfazione è data dall'aver ritrovato un gruppo squadra straordinario ed è quello che andiamo predicando da settembre. Questa squadra, dalla difesa aggressiva e dal gioco corale senza individualità, può essere antipatica a tutta la Lega. Se invece gioca approcciando le partite com'è stato con Pesaro, con Bologna e in Coppa, non farà percorsi importanti. Il lavoro in difesa, con i cambi dalla difesa a uomo alla zona, ha confuso un tecnico e giocatori esperti come sono quelli del roster di Venezia. È la prova che questa squadra ha nel suo Dna una capacità di alternare quei due modi di difendere perché più adatti alle proprie caratteristiche”.

In generale, il presidente è rimasto soddisfatto dalla prova corale della sua Happy Casa: “Mi è piaciuta la risposta generale della squadra, perché noi siamo un gruppo, non abbiamo "il top scorer", tranne Reed in questa gara, ma possiamo trovarlo all'interno del roster in ogni partita, se difendiamo bene e mettiamo in evidenza le nostre capacità di velocità e transizione all'interno di un gioco corale. Un'eccezione vorrei farla: domenica è stato grande Jordan Bayehe. È entrato per far rifiatare Perkins ed ha finito la partita in campo perché si è fatto valere in quei minuti, ed un coach molto attento ha valutato il gioco fin lì prodotto e lo ha fatto restare lasciando in panchina un grande giocatore come Nick Perkins".

Adesso Brindisi è tra le prime otto squadre del campionato: “Saremmo salvi per l'undicesimo anno consecutivo, se fosse finito in questo momento il campionato. Il percorso è lungo, però, abbiamo due trasferte molto difficili contro squadre del nostro stesso livello, che si giocano anche loro gli obiettivi della permanenza e di un posto al sole, quali possono essere final eight o playoff. Abbiamo trasferte a Trieste e Treviso e la gara interna contro Scafati. Dopo la partita interna con Scafati potremo capire che squadra abbiamo e che tipo di stagione ci potrà riservare il prosieguo”. 

Fonte: Lega Basket

 

© Riproduzione riservata
https://www.basketmarche.it/assets/img/easy_assicurazioni_728_90.jpg

Ti potrebbe interessare anche:

Segui:
su Facebook!